Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Molnupiravir, il farmaco (creato come antinfluenzale) riduce più velocemente l’infezione da Covid

Molnupiravir, il farmaco contro l'influenza riduce più velocemente l infezione da Covid
di Riccardo De Palo
4 Minuti di Lettura
Sabato 6 Marzo 2021, 20:36 - Ultimo aggiornamento: 7 Marzo, 00:13

Nella perenne corsa all’individuazione di un farmaco efficace contro il Covid-19, va segnalata (pur con tutte le cautele del caso), una molecola sviluppata dall’azienda americana Merck & Co Inc insieme alla Ridgeback Bio, il molnupiravir. I media americani riferiscono che il farmaco, inizialmente messo a punto per combattere l’influenza, si è dimostrato efficace nel ridurre più velocemente l’infezione, nei risultati preliminari dei suoi testi clinici - attualmente in fase 2 - effettuati con pazienti da poco risultati positivi al Covid-19.  

«I risultati dell’obiettivo secondario di questo studio, vale a dire la più veloce remissione dell’infezione in pazienti trattati all’inizio dell’infezione, sono promettenti», ha detto William Fischer, professore associato di medicina presso l’Università del Nord Carolina, in una nota diffusa dalle due compagnie. 

Anticorpi monoclonali, in Toscana al via test su 40 volontari. Galli: «Efficacia sconosciuta su varianti»

Fasi 2 e 3

I risultati della fase 1 della sperimentazione sull'uomo erano stati pubblicati su "Antimicrobial Agents and Chemotherapy". L'indagine ha riguardato 130 persone in salute, ed era incentrata in particolare sulla sicurezza del prodotto. Meno di metà del campione che non ha preso il placebo ha riportato effetti avversi, per il 93,3% lievi. Il molnupiravir, chimicamente parlando, è un ribonucleoside biodisponibile oralmente, che inibisce la replicazione di diversi coronavirus, tra cui proprio il SARS-CoV-2, l'agente patogeno che causa il Covid-19. Negli studi precedenti effettuati sugli animali, si era dimostrato utile a migliorare la funzione polmonare, ridurre la perdita di peso e la quantità di virus nei polmoni.

L’antivirale è attualmente in fase 2/3 del processo di sperimentazione clinica, che dovrebbe essere completato per il mese di maggio. La Merck ha deciso di focalizzare la propria attenzione sui farmaci anti Covid dopo che due vaccini, messi a punto dalla stessa azienda, non avevano dimostrato la necessaria efficacia, e il programma di continuare a svilupparli era stato abbandonato lo scorso gennaio.

«In questa fase in cui c’è un gran bisogno di trattamenti antivirali contro il Sars CoV-2, che non viene  soddisfatto dai farmaci esistenti, siamo molto incoraggiati da questi dati preliminari», ha detto Wendy Painter, Chief Medical Officer della Ridgeback.

Ulteriori studi di questo antivirale ancora allo stato sperimentale sono in corso, riferisce il Wall Street Journal. Se si rivelerebbe efficace nel trattare persone malate di Covid-19, il farmaco andrebbe ad affiancarsi a un arsenale finora molto limitato, a disposizione attualmente dei medici in prima linea, e sarebbe anche il primo antivirale che si può assumere oralmente. Il mondo scientifico, e non solo, attende quindi con molto interesse il completamento della sperimentazione.

Austria e Danimarca rompono il fronte Ue sui vaccini e scelgono Israele

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA