Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Coronavirus contagia fino a 4,5 metri», ritirato lo studio del team epidemiologico cinese

Coronavirus, studio in Cina: il virus contagia fino a 4,5 metri e resta in aria per almeno 30 minuti
5 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Marzo 2020, 21:59 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 23:27

È stato ritirato lo studio del team di epidemiologi cinesi secondo il quale il coronavirus sarebeb potuto rimanere in aria per almeno 30 minuti e viaggiare fino a 4,5 metri - oltre la "distanza di sicurezza" consigliata dalle autorità sanitarie di tutto il mondo. A riportare la notizia scoperta da un gruppo di scienziati era stato il South China Morning Post. Ma poi lo studio sarebbe stato ritirato dalla rivista che l'aveva pubblicato, Practical Preventive Medecine, senza spiegazioni. 

Coronavirus, positivo anche il ministro della Cultura francese

Secondo i risultati dello studio, il virus a circa 37 ° C, avrebbe potuto sopravvivere per due o tre giorni su vetro, tessuto, metallo, plastica o carta. 



DISTANZA DI SICUREZZA RADDOPPIATA
«Si può confermare che in un ambiente chiuso con aria condizionata, la distanza di trasmissione del nuovo coronavirus supererà la distanza di sicurezza comunemente riconosciuta»", avevano scritto i ricercatori in un articolo pubblicato nella rivista peer-review Practical Preventive Medicine venerdì scorso.

RESISTENZA DEL VIRUS ALL'ARIA APERTA
Il documento evidenziava anche il rischio che il virus potesse rimanere attivo anche dopo che il "portatore" aveva lasciato l'autobus. Gli scienziati hanno avvertito che il coronavirus potrebbe sopravvivere più di cinque giorni nelle feci umane o nei fluidi corporei.

SONO MOLTO ULTILI LE MASCHERINE
«Il nostro consiglio è di indossare una maschera per tutto il percorso (ad esempio una corsa in autobus)», hanno aggiunto. Il loro lavoro si basava su un caso di epidemia locale il 22 gennaio durante l'alta stagione dei viaggi di Capodanno lunare. Un passeggero, noto come "A", salì a bordo di un pullman interurbano sedendosi in seconda fila partendo da dietro.
 



LA STORIA DEL CONTAGIO DEL PAZIENTE A
Il passeggero stava già male. La sua malattia era già evidente prima che la Cina dichiarasse lo scoppio del coronavirus una crisi nazionale, quindi "A" non indossava una maschera, né la maggior parte degli altri passeggeri o dell'autista sull'autobus a 48 posti.

CONTAGIATI FINO A 4,5 METRI DI DISTANZA
Hu Shixiong, uno degli autori dello studio che lavora per il Centro provinciale di Hunan per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha affermato che il filmato della telecamera di sicurezza mostra che il paziente "A" non ha interagito con gli altri durante le quattro ore di viaggio. Ma quando l'autobus si è fermato nella città successiva, il virus era già passato dal vettore ad altri sette passeggeri. Questi includevano non solo le persone sedute relativamente vicine allo "zero paziente", ma anche un paio di vittime a sei file da lui - a circa 4,5 metri di distanza.

CONTAGIATI ANCHE I PASSEGGERI SALITI DOPO MEZZ'ORA
Tutti successivamente sono risultati positivi, incluso un passeggero che non ha mostrato sintomi della malattia.
Dopo che questi passeggeri sono scesi, un altro gruppo è salito sull'autobus, circa 30 minuti dopo. E un passeggero seduto in prima fila dall'altra parte della corsia si è infettato. Hu ha spiegato che il paziente, che non indossava una maschera, avrebbe probabilmente inalato il virus, o minuscole particelle, espirato dai passeggeri infetti del gruppo precedente.

LE PARTICELLE AEROSOL SOTTO ACCUSA
Gli aerosol sono particelle leggere che si formano da minuscole goccioline di fluidi corporei. «La possibile ragione è che in uno spazio completamente chiuso, il flusso d'aria è principalmente guidato dall'aria calda generata dall'aria condizionata. L'aumento dell'aria calda può trasportare le goccioline cariche di virus a una distanza maggiore», afferma la ricerca.


Dopo essere scesi dal bus navetta, il cosiddetto paziente A è salito su un altro mezzo viaggiando per un'altra ora. Il virus così ha contagiato altri due passeggeri, uno dei quali era anche seduto a 4,5 metri dal paziente "A".

UN UOMO HA INFETTATO 13 PERSONE
Al termine dello studio a metà febbraio, il paziente "A" aveva infettato almeno 13 persone. Si ritiene quindi che la trasmissione aerea di Covid-19 sia limitata perché le piccole goccioline prodotte dai pazienti precipitano rapidamente a terra.

NESSUN INFETTO TRA CHI AVEVA LE MASCHERE
Questa convinzione ha spinto le autorità sanitarie cinesi a suggerire che le persone dovrebbero stare a un metro di distanza in pubblico e i Centri statunitensi per il controllo delle malattie raccomandano una distanza di sicurezza di circa 1,8 metri. I ricercatori hanno anche scoperto che nessuno di quei passeggeri dei due autobus che indossavano maschere era infetto.

Mancano ancora mesi alla diffusione globale del coronavirus, avverte lo scienziato cinese. «È necessario indossare sempre una maschera e, allo stesso tempo, ridurre al minimo il contatto tra le mani e le aree pubbliche ed evitare di toccarsi il viso prima di pulirlo», loro hanno detto.

I ricercatori hanno anche suggerito di migliorare i servizi igienico-sanitari sui trasporti pubblici e di regolare l'aria condizionata per massimizzare il volume di aria fresca fornita. Hanno anche detto che gli interni dovrebbero essere puliti e disinfettati una o due volte al giorno, specialmente dopo che i passeggeri arrivano al terminal.

C'E' ANCHE CHI HA AVUTO CONTATTI MA NON SI E' INFETTATO
Un medico di Pechino coinvolto nella diagnosi e nel trattamento dei pazienti di Covid-19 ha affermato che lo studio ha lasciato alcune domande senza risposta. Ad esempio, i passeggeri seduti immediatamente accanto ai vettori non erano infetti, sebbene stessero subendo la massima esposizione agli aerosol portatori di malattie. «Le nostre conoscenze sulla trasmissione di questo virus sono ancora limitate», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA