CORONAVIRUS

Coronavirus, negli Stati Uniti test con le cellule della placenta "natural killer"

Venerdì 3 Aprile 2020

Gli Stati Uniti stanno per testare le cellule placentari nella cura al coronavirus. Al via un trial clinico su 86 pazienti con una terapia sperimentale a base di staminali raccolte dalla placenta. Secondo quanto riportato dal New York Times, l'azienda Celularity sta per testare sui pazienti in fase iniziale di infezione, cellule placentari cosiddette 'natural killer', che il feto in sviluppo utilizza per proteggersi da eventuali infezioni che la mamma può contrarre durante la gravidanza. L'idea, spiega Robert Hariri, fondatore e amministratore delegato di Celularity, è di una terapia 'preventivà, che eviti, cioè, che l'infezione divenga più grave.

Coronavirus, l'Iss: «La curva dei contagi rallenta, ma senza misure restrittive avremmo tante Codogno»
Coronavirus, Spallanzani: «Aumentano i dimessi e diminuiscono i positivi»

La speranza, quindi, è che i pazienti che riceveranno queste cellule, avranno un'infezione con sintomi più lievi e risoluzione rapida. Ma ci sono alcuni scienziati che hanno dei dubbi sulla sicurezza di questo trattamento: non sappiamo quali potrebbero essere gli effetti di questa cura, avverte Paul Knoepfler, esperto di staminali presso la University of California a Davis; le cellule potrebbero esacerbare ancora di più la risposta immunitaria dei pazienti contro il virus, e quindi amplificare i danni alla funzione respiratoria, provocando la morte di tantissime cellule respiratorie. Il trattamento sperimentale, che ha ottenuto l'attenzione di Rudy Giuliani, avvocato personale del Presidente Donald Trump, non sarà però confrontato, almeno in questa fase, con una molecola placebo, per vedere se le cellule effettivamente alleggeriscono la malattia nei pazienti trattati più di quanto farebbe una cura placebo.
 

Ultimo aggiornamento: 15:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani