Protesi al seno di una nota multinazionale ritirate dal mercato: rischio cancro

Protesi al seno di una nota multinazionale ritirate dal mercato: rischio cancro
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Dicembre 2018, 17:14 - Ultimo aggiornamento: 18:54

Rischio cancro, l'azienda ritira le protesi al seno: la multinazionale Allergan ha deciso di sospendere la vendita e ritirare dal commercio in Europa alcuni tipi di protesi, una decisione che viene dopo la richiesta delle autorità regolatorie francesi che indagano sul possibile legame con una rara forma di tumore.

L'Ansm, l'autorità francese, ha chiesto ad Allergan di procedere sulla base del parere di una commissione scientifica che ha valutato diverse segnalazioni di comparsa nelle donne a cui erano state impiantate di un raro tipo di linfoma. Il ritiro, ha affermato l'azienda in un comunicato, riguarda le protesi di tipo 'ruvido', mentre restano in commercio quelle di tipo liscio.

«Anche se non è d'accordo con la richiesta - scrive l'azienda - la compagnia sta cooperando pienamente con le autorità. Allergan conferma il profilo rischio-beneficio dei propri prodotti. La richiesta dell'Ansm, e l'azione conseguente, non è basata su nessuna nuova evidenza scientifica riguardo a questi prodotti. Oltretutto la stessa Ansm non ha identificato nessun rischio immediato per la salute delle donne con impianti 'ruvidi'».

Titolo a picco. Aggressivo ribasso per Allergan, che passa di mano in perdita del 4,73%. L'analisi settimanale del titolo rispetto allo S&P-500 mostra un cedimento rispetto all'indice in termini di forza relativa di Allergan, che fa peggio del mercato di riferimento. Nuove evidenze tecniche classificano un peggioramento della situazione per Allergan, con potenziali discese fino all'area di supporto più immediata vista a quota 136,9 dollari USA. Improvvisi rafforzamenti scardinerebbero invece lo scenario suesposto con un innesco rialzista e target sulla resistenza più immediata individuata a 143,1. Le attese per la sessione successiva sono per una continuazione del ribasso fino all'importante supporto posizionato a quota 134. Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento. (A cura dell'Ufficio Studi Teleborsa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA