Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, l'infettivologo Di Perri: «No alle chiusure, sì ai test rapidi in ingresso ai locali»

QDP-Collaboraz. Covid, l'infettivologo Di Perri: «No alle chiusure. Sì ai test rapidi in ingresso ai locali»
4 Minuti di Lettura
Martedì 15 Dicembre 2020, 14:32 - Ultimo aggiornamento: 14:34

L'infettivologo Giovanni Di Perri dice la sua sulle riaperture di Natale. Un problema reale, per lui, che dovrebbe essere affrontato in maniera adeguata: cioè accompagnare alle riaperture i cosiddetti test rapidi. «Chiudere tutto sotto Natale? Il problema esiste e forse dovremmo stringere i denti. Essendoci una serie di attività già ferme durante le festività, forse potrebbe essere un periodo meno complicato di altri per reprimere. Ma io sono un riaperturista, non certo alle regole vecchie. Penso che le riaperture debbano essere accompagnate da un'opera finalizzata ad aumentare la protezione. Oggi abbiamo qualcosa che non avevamo prima: i tamponi rapidi. Potrebbero essere usati per vincolare l'accesso alle attività al chiuso: ristoranti, teatri, palestre, piscine, musei, cinema. Come fanno diversi Paesi orientali, come la Corea del Sud. Un test rapido costa poco e forse al posto dei soldi per i monopattini si poteva investire di più su questo».

Covid, Guzzini (Presidente Confindustria Macerata) choc: «Bisogna riaprire e se qualcuno morirà, pazienza»

La proposta

Già responsabile delle Malattie infettive dell'ospedale Amedeo di Savoia di Torino, Di Perri sostiene che le autorità non si siano interessate abbastanza - finora - dell'argomento; complice anche una più bassa sensibilità del test rapido, rispetto al tampone molecolare anti Covid. «Non c'è abbastanza interesse da parte delle autorità per questo argomento. Non si tratta quasi mai. È vero che la sensibilità di questi test è magari più bassa, ma i diffusori con quantità medio-alte di virus, e quindi anche i super diffusori, vengono intercettati e sarebbe già una grossa riduzione del cosiddetto danno. Già adesso si potrebbe applicare una strategia simile visto che i bar e i ristoranti sono aperti. Io andrei volentieri a pranzo in un locale dove so che tutti sono stati testati e sono negativi. Oggi il test lo possiamo far valere 3 giorni, in periodi come questi e vista l'elevata circolazione del virus, poi la validità potrà diventare più lunga, sono strumenti che si possono modulare», così Di Perri.

Il confronto con la Germania

Poi Di Perri ha confrontato la situazione nostra con quella tedesca: in particolare, secondo l'infettivologo la Germania ha - oltre alle risorse - una maggiore libertà di manovra nella gestione della pandemia da coronavirus. Essendosi mossa prima sui ristori, Di Perri ritiene che i tedeschi siano meno scontenti rispetto agli italiani: inoltre, inciderebbe anche il fattore stanchezza, per via dei problemi economici e di lavoro. Ultimo ma non meno importante, le condizioni degli anziani. Quanto agli assembramenti che si sono verificati durante il fine settimana, Di Perri ritiene che «Ciò che succede all'aperto mi preoccupa molto meno di quello che può succedere al chiuso. Bisogna dunque vedere se la circolazione vivace di persone corrisponda poi a situazioni incaute, come cene con numeri consistenti, festini, ressa nei negozi. Mi ricorda un pò lo scalpore per le movide di fine maggio, che fortunatamente non portò a nulla. Speriamo sia di nuovo così, ma dipende da noi».

Covid Roma, ressa per lo shopping: stretta nel weekend. Piano per chiudere piazze e strade

© RIPRODUZIONE RISERVATA