Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brufoli, un aiuto per la pelle
arriva dalle alghe

Brufoli, un aiuto per la pelle arriva dalle alghe
2 Minuti di Lettura
Martedì 10 Dicembre 2013, 13:33 - Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio, 16:55
STIRLING Chi è affetto dai brufoli potrà contare, in futuro, su un nuovo alleato: le alghe. Un team di esperti scozzesi dell'Istituto di Acquacoltura, presso l'Università di Stirling, ha infatti sperimentato come alcune alghe marine contribuiscano a bloccare il batterio responsabile di molte forme di acne. Le alghe non sono una novità nei trattamenti di bellezza e già da tempo i prodotti che le contengono garantiscono una pelle perfetta.

Secondo lo studio pubblicato sulla rivista Marine Drugs, però, l'acido grasso omega 3, il dihomo-gamma-linolenico (DGLA) e omega 6 , l'acido eicosapentaenoico (EPA), contenuti nelle alghe farebbero ancora di più, bloccando la crescita del Propionibacteriun acnes, un batterio gram positivo associato allo sviluppo dell'acne.

«L'obiettivo della ricerca era di individuare nuovi trattamenti efficaci nella cura dell'acne in grado di sostituire gli attuali farmaci, che in alcuni casi possono causare effetti collaterali.

Alcuni degli attuali rimedi per i brufoli hanno poi anche un altro problema, poiché determinati batteri presentano una certa resistenza ai principi attivi e il loro uso risulta quindi meno efficace o del tutto inefficace», ha dichiarato Andrew Desbois, tra gli autori dello studio.

L'esperto ha spiegato anche come gli acidi grassi siano presenti naturalmente sulla nostra pelle per difenderci contro i batteri indesiderati e l'applicazione di acidi grassi aggiuntivi, quindi, contribuisce ad aumentare le difese già esistenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA