Omicron 5, Pregliasco: «È 4 volte più forte di un'influenza. Nuova ondata con picco a fine luglio». L'esperta: quest'estate un milione di casi

L'esperto: "Con Omicron 5 non basta aver fatto 3 dosi di vaccino e aver avuto il Covid"

Covid, Pregliasco: «Nuova ondata con picco a fine luglio. Omicron 5 è 4 volte più forte di un'influenza»
6 Minuti di Lettura
Lunedì 20 Giugno 2022, 15:06 - Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 10:14

Scendono le vendite di igienizzanti e mascherine nelle farmacie, mentre salgono quelle di tamponi, aumentati di oltre il 17% in una settimana. In particolare di quelli fai da te. Ma con il rischio di avere un quadro falsato della circolazione virale perché gli esiti degli auto-test «molto spesso non sono comunicati», secondo l'epidemiologo Cesare Cislaghi, con la conseguenza che «i positivi sarebbero già ora almeno un milione e si rischia di andare incontro a un aumento dei decessi». E dalla pandemia Covid «non ne siamo affatto venuti fuori», avverte il virologo Fabrizio Pregliasco, anzi «siamo nel mezzo della nuova ondata, il cui picco è prevedibile a fine luglio».

Omicron e reinfezioni, chi ha preso l'1 è poco protetto dalle sottovarianti BA 4 e 5

 

Omicron 5 più forte di un influenza

Con la fine dello stato di emergenza e la 'scomparsà del Covid dalla tv, gli italiani si sono rilassati, ma questo comprensibile calo di attenzione, proprio mentre si diffonde la più diffusiva subvariante omicron BA.5, rischia di diventare un'arma a doppio taglio. «Omicron5 - afferma Pregliasco - rialza e rialzerà i casi, continueremo ad averne di gravi, seppur in modo proporzionale». Per non esser contagiati, rileva, «non basta aver avuto il Covid e l'avere fatto tre dosi». Anche uno studio dell'università di Pechino pubblicato su Nature conferma che le persone che si sono infettate con omicron, anche se vaccinate, potrebbero essere vulnerabili alle nuove sotto-varianti BA.4, BA.5 e BA.2.12.1. Quanto al fatto che, secondo alcuni, il Covid sia ormai paragonabile ad un'influenza, «diciamo che Omicron 5 è quattro volte forte» afferma Pregliasco. Per questo le mascherine, «vanno indossate ancche al mare nei momenti di affollamento». Ma proprio le mascherine, così come i gel igienizzanti per le mani, si vendono oggi molto meno. I dati delle vendite in farmacia, elaborati da IQVIA, mostrano che si presta meno attenzione alle protezioni. Dal 13 al 19 giugno sono state vendute mascherine per 1,1 milioni di euro, pari a -11,2% rispetto alla settimana precedente e a -60% rispetto alla stessa settimana del 2021. Di igienizzanti ne sono stati venduti per 96.000 euro, pari a -2,8% rispetto alla settimana precedente e -52,3 % rispetto alla stessa settimana di un anno fa. Di contro, dal 13 al 19 giugno sono stati spesi 4,5 milioni di euro in tamponi e test, pari a +17,5% rispetto alla settimana precedente.

 

 

«Dopo un periodo di calo, stiamo vedendo un nuovo aumento di tamponi Covid effettuati in farmacia. Ma soprattutto un aumento molto considerevole dei test fai da te» ma questi «non permettono di avere una reale percezione della circolazione reale del virus in questa nuova ondata determinata», spiega il segretario di Federfarma, Roberto Tobia. Sono 16.571 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, mentre ieri erano stati 30.526. Ma i test anti-Covid di autodiagnosi «stanno falsando» il quadro generale dell'andamento epidemico e «possiamo supporre che i positivi in totale siano in realtà attualmente circa un milione, considerando che l'esito positivo del test di autodiagnosi spesso non è comunicato dai cittadini. Direi cioè che ci sono almeno tanti contagi autodiagnosticati e non denunciati rispetto a quelli invece notificati», precisa Cesare Cislaghi, già presidente della Società italiana di epidemiologia. «Ogni medico - spiega - ha l'obbligo di denunciare ogni malattia infettiva di cui fa diagnosi, purtroppo quest'obbligo non ce l'ha il contagiato che se la autodiagnostica». Secondo l'esperto, sarebbe dunque necessaria una «maggiore regolamentazione per gli auto-test e la denuncia di malattia infettiva debba riguardare anche il malato, qualora l'abbia autodiagnosticata». In questo contesto, avverte, il rischio è quello di una «sottostima della reale circolazione del SarsCoV2», con un conseguente aumento dei ricoveri nelle prossime settimane e dei decessi «a partire dalla fine del mese». Intanto, sempre secondo il bollettino del ministro della Salute, oggi le vittime sono 59, in aumento rispetto alle 18 di ieri. Il tasso di positività al 20,9%, in aumento. Sono invece 209 i pazienti in intensiva, 10 in più rispetto a ieri, ed i ricoverati nei reparti ordinari sono 4.585, ovvero 187 in più di ieri.

L'allarme svizzero

In Svizzera oltre un milione di persone rischiano di essere contagiate dal coronavirus Sars-CoV-2 durante l'estate, mette in guardia l'ex responsabile della task force Covid-19 della Confederazione, Tanja Stadler, in un'intervista al quotidiano elvetico in lingua tedesca 'Blick'. L'esperta del Politecnico federale di Zurigo non concorda con chi paragona la variante Omicron a una «banale influenza» e ritiene si debba continuare a portare la mascherina: «In caso di contagio con Omicron - evidenzia - constatiamo molto più spesso conseguenze a lungo termine rispetto alla 'grippè, in particolare tra i giovani». Riguardo alle previsioni per l'estate, «partiamo dal presupposto che circa il 15% della popolazione sarà infettata», spiega Stadler, precisando tuttavia che la maggior parte non verrà testata. Basandosi su campioni di acque reflue, fa notare, si suppone infatti che il numero di casi non contabilizzati sia attualmente più elevato rispetto all'inverno scorso:

«Dovrebbero esserci oltre 80mila nuovi contagi alla settimana», sottolinea, mentre una settimana fa l'Ufficio federale di sanità pubblica aveva annunciato 16.610 nuovi casi in 7 giorni. «Il numero attuale dei casi è nettamente più alto rispetto alle ultime 2 estati», rileva Stadler. Anche se, riconosce, si tratta di infezioni molto meno gravi: «I dati più recenti mostrano come il 97% della popolazione adulta in Svizzera possiede anticorpi contro Covid-19 grazie ai vaccini, ma anche a causa delle infezioni». L'esperta non azzarda pronostici sulla fine della pandemia. «A lungo termine le cose si stabilizzeranno. Tuttavia - prospetta - nei prossimi anni ci saranno probabilmente altre ondate anche in estate».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA