Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, gli adolescenti lo trasmettono meno in famiglia: contagi più facili tra coetanei

Uno studio rivela che il contagio è più alto tra fratelli o partner

Omicron, gli adolescenti lo trasmettono meno in casa, contagi più facili tra fratelli o partner
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Febbraio 2022, 12:58 - Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio, 19:27

Quando il Covid-19 entra in casa, se ad ammalarsi è un adolescente le probabilità di contagiare gli altri membri della famiglia sono più alte. Minori se invece a contrarre il virus è un anziano. Inoltre la possibilità di contagio è molto più alta (circa il 47% in più) tra coetanei - fratelli o partner -. Lo rivela uno studio di condotto negli Stati Uniti da diverse istituzioni americane, tra cui i Centers for Disease Control and Prevention, pubblicato sulla rivista Pediatrics. La ricerca ha analizzato 226 nuclei familiari seguiti dall'inizio della pandemia fino ad aprile 2021.

 

Covid, il 58% ha contagiato un familiare

Dopo l'infezione da SarsCov2 in uno dei membri della famiglia, i ricercatori hanno osservato 198 contagi tra i 404 familiari esposti. Secondo l'analisi, il 58% ha infettato almeno un familiare.

Il rischio più basso di contagio in famiglia si ha quando ad ammalarsi è un adolescente: in tal caso le probabilità sono del 26%; quando il primo a prendere il virus è invece un ultra-65enne le probabilità che qualcun altro venga infettato salgono al 76%; Nelle altre fasce di età si oscilla intorno al 50%. 

Gli over 65 si contagiano meno in famiglia, bambini più esposti

Al contrario, quando un membro della famiglia si infetta, la classe di età che ha minori probabilità di contrarre a sua volta il virus è quella degli ultra-65enni: non è chiaro se ciò sia dovuto al fatto che al momento dello studio gli over 65 rappresentavano la classe di età in cui erano più alti i tassi di vaccinazione o a comportamenti di maggiore prudenza. I bambini tra i 5 e gli 11 anni sono invece quelli che rischiano di più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA