Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Medicine, in arrivo le pillole sfuse: la svolta nel Lazio, risparmi e meno sprechi

Sulla scatola i giorni e la terapia: il sistema mette a disposizione solo le medicine necessarie

Medicine, in arrivo le pillole sfuse: la svolta nel Lazio, risparmi e meno sprechi
di Giampiero Valenza
4 Minuti di Lettura
Martedì 5 Luglio 2022, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 15:56

La rivoluzione potrebbe partire da settembre e coinvolgere tutti i pazienti del Lazio di malattie croniche: chi soffre di patologie cardiovascolari e diabete, per esempio. Ebbene, tutte quelle confezioni dei farmaci che a casa affollano gli armadietti e riempiono i calendari di pro memoria, potrebbero scomparire. La Regione ha creato un gruppo di lavoro tra Asl, associazioni di categoria e farmacie, per fare quello che in gergo chiamano sconfezionamento e riconfezionamento.
In pratica, funzionerà così: il medico prescrive (come sempre) la cura necessaria sulle ricette. Con due o più farmaci da prendere la vita di tutti i giorni, per il paziente, si fa dura. Può infatti capitare di dimenticare di prenderle e che non si rispettino rigorosamente le indicazioni, con il risultato che la mancata aderenza terapeutica può peggiorare le condizioni di salute e non avere l'effetto sperato dai trattamenti. Ecco che, allora, può venire in aiuto proprio questo genere di lavoro. Si andrà così in farmacia con la ricetta. Ma invece di portarsi a casa le confezioni, sarà proprio il farmacista a rifare il blister, mettendo tutti i farmaci in una sola scatola, con la posologia precisa di quelle che vanno prese al mattino, dopo pranzo, dopo cena o lontano dai pasti. Vuole essere una versione moderna di chi, oggi, si scrive la posologia sulla confezione o chi va a comprare il portapillole e, a inizio settimana, mette tutti i farmaci in corrispondenza del giorno giusto.

Omicron, quarta dose agli over 70? Con il boom di contagi il governo adesso ci pensa


CHI PARTECIPA
Il tavolo di lavoro è composto da Federfarma Roma, Federfarma Lazio, Assofarm, dall'Ordine dei farmacisti di Roma, dalle Asl Roma 2 e Roma 6 e da Farmacap. Loro è il compito di redigere un documento nel quale saranno indicate le procedure per lo sconfezionamento dei medicinali industriali e il loro riconfezionamento, in dosi personalizzate per ogni assistito, secondo quanto prescritto dal medico curante. Il primo incontro del tavolo di lavoro è previsto per il prossimo 11 luglio.


I TEMPI
«Stiamo stringendo i tempi, vogliamo essere operativi spiega Andrea Cicconetti, presidente di Federfarma Roma Se tutto andrà bene contiamo di partire con il servizio a settembre». Cicconetti sottolinea come questo potrà essere un vantaggio, oltre che per la salute di chi ha più malattie croniche da gestire, anche per le casse pubbliche: chi è più in salute, infatti può avere un minor rischio di effetti gravi per la sua patologia. «Il farmacista aprirà il blister e lo riconfezionerà in uno più grande, mettendo tutte le compresse e spiegando cosa ci sarà all'interno - prosegue il rappresentante di Federfarma Roma - Il cittadino andrà in farmacia e ritirerà le nuove confezioni entro 24 ore». Ma quante farmacie aderiranno? Per ora si sta pensando a una partecipazione volontaria, quindi non tutte le croci verdi della Regione potranno avere questo servizio. Si partirà con una fase sperimentale e, almeno in questo primo periodo, si tratta di un progetto a totale carico del paziente. «In futuro la Regione potrà pensare di attingere ai fondi della farmacia dei servizi, magari per dare un accesso gratuito ad alcune particolari categorie di persone. In Lombardia sono già partiti circa tre mesi fa e non ci sono criticità», prosegue Cicconetti.
Il progetto potrebbe portare, a lungo termine, a una personalizzazione sempre maggiore del servizio farmaceutico, riprendendo alcune esperienze dall'estero che portano i malati ad avere il numero esatto di compresse o capsule sulla base di quanto indicato dal medico. Ma questo percorso, ora, non è in programma. «Si tratta di un'esperienza ripresa da altri Paesi che però non fa ora parte di questo piano», conclude Cicconetti.
Intanto, però, la rivoluzione parte dal superblister con più farmaci che potrebbe arrivare dopo l'estate. Chi segue una terapia in modo distratto, dunque, è avvisato: può trovare un nuovo alleato entrando in farmacia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA