Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, Varese: «Test rapido della saliva in 10 minuti»

Coronavirus, una speranza da Varese: «Test rapido della saliva in 10 minuti»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Aprile 2020, 15:38 - Ultimo aggiornamento: 18:41

Novità sul coronavirus. Un test rapido della saliva per diagnosticare in 10 minuti un'infezione da Covid. L'hanno ideato Lorenzo Azzi, ricercatore all'università dell'Insubria, e Mauro Fasano, docente dell'ateneo, e ora verrà sperimentato all'ospedale di Circolo di Varese grazie a una task force coordinata dall'infettivologo Paolo Grossi. Il nuovo esame funziona secondo un principio simile a quello dei test di gravidanza: applicando un campione di saliva su una piccola striscia di carta assorbente, qualora una persona fosse positiva nel giro di qualche minuto si formerà una banda colorata. «La novità del test sta nella sua semplicità, che permette a chiunque di poterlo utilizzare - spiegano dall'Asst dei Sette Laghi - nella rapidità del risultato e nel fatto che, a differenza dei test sierologici che evidenziano gli anticorpi, attraverso la saliva viene evidenziato direttamente il virus e dunque è possibile stabilire se il soggetto è infetto in quel preciso momento. La sperimentazione sarà condotta con la massima celerità su un centinaio di pazienti». 

Contagi, lo zero è vicino: «Ma serve ancora tanta attenzione»

Covid 19, la Fase 2 per fasce d'età: anziani, percorsi protetti

«Questo test nasce da una buona intuizione accademica e mette in collaborazione, come sempre, l'università dell'Insubria e l'ospedale di Circolo nella cura del paziente messa davanti a nuove sfide dall'emergenza Covid-19», dichiara il rettore Angelo Tagliabue. Giulio Carcano, presidente della Scuola di Medicina dell'ateneo, sottolinea che «l'emergenza sanitaria interroga sia sulla comprensione della patologia sia sul tentativo di curarla, prima di tutto con una diagnosi certa e precoce. Questo protocollo rappresenta lo sforzo congiunto di docenti e ricercatori di differenti discipline dalle materie di base alle applicazioni cliniche». «Ancora una volta è la sinergia tra l'Asst dei Sette Laghi e l'università dell'Insubria a fare la differenza - afferma il direttore generale dell'Asst dei Sette Laghi, Gianni Bonelli - Ancora una volta sappiamo distinguerci nel campo dell'innovazione. Speriamo che questa sperimentazione dia i risultati sperati e che si possa così disporre di uno strumento diagnostico efficace e rapido». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA