Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il farmacologo Garattini: «Ci sarà una seconda ondata, ma non si può continuare a restare a casa: allo studio 42 vaccini»

Il farmacologo Garattini: «Ci sarà una seconda ondata, ma non si può continuare a restare a casa»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Aprile 2020, 09:11 - Ultimo aggiornamento: 12:56

«Il dato più significativo è quello della diminuzione dei ricoveri, vuol dire che globalmente dovrebbe essere diminuito il contagio. E questa è una buona notizia». Così Silvio Garattini, farmacologo e presidente Istituto ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano ai microfoni della trasmissione radiofonica Circo Massimo. Sul coronavirus non bisogna, però abbassare la guardia. «Non possiamo continuare a rimanere in casa perché ci sarà la seconda ondata. Si sta lavorando a soluzioni, una è quella di individuare chi ha sviluppato anticorpi, persone che, con le dovute precauzioni, potrebbero tornare a lavorare». E aggiunge: «C'è un rapporto che dice che ci sono 42 vaccini allo studio. I tempi sono ragionevoli, probabilmente per la fine dell'anno. Alcuni hanno già avviato la sperimentazione animale: bisogna prepararsi: se il vaccino arriva prima in un paese x, non arriverà subito nel paese y. Serve un centro europeo che, quando un vaccino sarà pronto, possa fare in modo di trasferirlo per la produzione in altri paesi».

Coronavirus, per gli esperti se sconfitto tornerà in autunno: «Ma saremo pronti»

Coronavirus, Burioni: curva contagi non esiste, dati letti alle 18 non hanno molto senso

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA