CORONAVIRUS

Ricciardi: «Il virus da solo fa poco, ma in gruppo fa moltissimo: ora la carica virale è ridotta»

Giovedì 25 Giugno 2020
3
Ricciardi: «Il virus da solo fa poco, ma in gruppo fa moltissimo: ora la carica virale è ridotta»

Sul coronavirus la linea ormai è abbastanza chiara: «Non è il virus a essere diventato più buono, ma la carica virale che si è ridotta. In questo momento, come succede nelle epidemie, il virus ha una carica virale minore. Quando si determina una malattia virale non dipende solo dal virus, ma dalla sua capacità di riprodursi in ambiente umano. Questa è rallentata, ma il virus è lo stesso». Così ad Agorà su Rai3 Walter Ricciardi, ordinario di Igiene all'università Cattolica di Roma e consigliere del ministero della Salute.

Covid, il matematico: «Virus più debole? Niente prove, la scienza divisa disorienta»

Ricciardi: «Il virus tornerà in autunno, portato dai giovani. Pandemia finita con 40 giorni consecutivi a zero contagi»

«Il virus da solo fa poco, in gruppo fa moltissimo - ha spiegato - In Italia ora è più isolato e più rallentato e quindi fa meno male. Ma è una situazione specifica italiana probabilmente dovuta alle misure che abbiamo intrapreso, come il distanziamento che inibisce questa capacità del virus di infettare». Ricciardi ha concluso ricordando che «aprire le scuole in sicurezza vuol dire distanziamento, igiene, uso delle mascherine quando necessario. Come ha fatto la Cina, che ha riaperto la scuola in un Paese con miliardi di persone e non ha avuto un caso nelle scuole».
 

Ultimo aggiornamento: 15:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani