CORONAVIRUS

Coronavirus, bambino di 9 anni incontra oltre 170 persone: ma non infetta nessuno

Mercoledì 22 Aprile 2020
Gazzettino

Sta facendo discutere in Francia il caso di un bambino di nove anni che ha contratto il Covid-19 e non ha trasmesso il coronavirus nonostante sia entrato in contatto con più di 170 persone. E ora una ricerca condotta da Public Health France suggerisce che i bambini potrebbero non essere i principali responsabili della diffusione del virus.

«Noi corriamo più forte, Virus non ci prenderai», i sogni e il coraggio dei bambini durante la pandemia
Coronavirus, Ilaria Capua (virologa): «Nonni e nipoti non potranno più stare insieme come prima»

Il ragazzo faceva parte di un gruppo di casi collegati a Steve Walsh, l'uomo d'affari che divenne il primo britannico a essere positivo al coronavirus dopo aver partecipato a una conferenza a Singapore lo scorso gennaio.

Walsh ha involontariamente trasmesso l'infezione quando si è incontrato con 10 adulti britannici e una famiglia di cinque persone in uno chalet nella località sciistica di Contamines-Montjoie, nell'Alta Savoia, dopo un volo da Londra.

La maggior parte degli ospiti dello chalet hanno contratto il virus, compreso il bambino di 9 anni. Un'indagine di Public Health France, però, ha rilevato che il bambino non lo ha trasmesso a nessuno dei suoi fratelli né a chiunque altro sia entrato in contatto con lui, tutte le 172 persone sono state messe in quarantena per precauzione. Nessuna però è stata contagiata dal ragazzno.

Il rapporto sull'indagine pubblicata su Clinical Infectious Diseases descrive come i test hanno rivelato che il ragazzo è stato infettato da Sars-Cov-2, il virus che causa Covid-19, e anche dall'influenza e da un comune virus del raffreddore. Mentre entrambi i suoi fratelli hanno preso le ultime infezioni, ovvero influenza e raffreddore, nessuno di loro ha intercettato il coronavirus.

«Un bambino, co-infettato da altri virus respiratori, ha frequentato tre scuole mentre era sintomatico, ma non ha trasmesso il virus, suggerendo potenziali diverse dinamiche di trasmissione nei bambini», ha detto Kostas Danis, un epidemiologo di Public Health France all'agenzia di stampa francese AFP.

Ma perché il ragazzo non ha infettato nessuno? Il ragazzo, spiegano i medici, presentava solo sintomi lievi e risultava avere livelli di virus appena rilevabili. Si pensa, qundi, che il basso livello di infezione spieghi il motivo per cui non ha infettato altre persone.

I ricercatori ritengono che, poiché in genere i bambini presentano solo lievi sintomi, possono trasmettere il virus molto meno degli adulti infetti. «I bambini potrebbero non essere una fonte importante di trasmissione di questo nuovo virus», scrivono.

Molti scienziati, scrive il The Guardian, sospettano che la risposta immunitaria dei bambini sia in qualche modo in grado di eliminare le infezioni più rapidamente rispetto agli adulti più anziani, che tendono a essere colpiti molto più duramente dalla malattia.

Il ruolo dei bambini nella diffusione del virus, quindi, rimane uno dei misteri chiave della pandemia di coronavirus e si sta ancora discutendo se coloro che sviluppano pochi o nessun sintomo siano portatori. Mentre la percentuale di bambini che soffrono di una malattia grave è minuscola rispetto a quella degli anziani, alcuni si sono ammalati gravemente e sono morti a causa dell'infezione.

Ultimo aggiornamento: 19:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA