Bollettino Covid di oggi, 10 novembre 2021: 7.891 contagi (1.859 più di ieri) e 60 morti, Lombardia oltre i mille casi

Bollettino Covid di oggi, 10 novembre 2021: 7.891 contagi (1.859 più di ieri) e 60 morti, Lombardia oltre i mille casi
9 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Novembre 2021, 16:37 - Ultimo aggiornamento: 20:57

Bollettino Covid di oggi, mercoledì 10 novembre 2021: sono 7.891 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, 1.859 più di ieri quando erano stati 6.032. Sono invece 60 le vittime in un giorno. Ieri erano state 68.

Tasso di positività all'1,6%

Gli attualmente positivi sono 102.859. I tamponi sono 487.618, rispetto ai 645.689 di ieri, con un rapporto tamponi-positivi all'1,6 per cento, in aumento rispetto allo 0,9 per cento di ieri. I ricoverati con sintomi sono 3.447; in leggero aumento il dato delle persone ricoverate in terapia intensiva, pari a 423 (+2 rispetto a ieri). I dimessi/guariti sono 5.319, per un totale di 4.591.328 dall'inizio dell'epidemia. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono Lombardia (1.073), Veneto (931) e Lazio (814).

Vaia (Spallanzani): «Via italiana vincente»

«Alle mie colleghe e colleghi dedico il premio ricevuto ieri quale personaggio dell'anno come comunicatore scientifico. Mi sono sempre ritenuto un 'narratore di gesta': quelle della comunità clinica e scientifica dello Spallanzani che ho l'onore e l'orgoglio di dirigere. La 'via italiana' si conferma vincente: uniti combattiamo, dritti all'obiettivo, senza lasciarci distrarre, fino alla vittoria finale che è molto vicina e non ci sfuggirà». Lo scrive su Facebook il direttore dell'Inmi Spallanzani di Roma, Francesco Vaia. Ieri il numero uno dello Spallanzani è stato premiato come 'Personaggio dell'anno in ambito sanitario' dalla giuria del Premio letterario Angelo Zanibelli 'La parola che cura', per l'incessante impegno mostrato nella lotta contro Covid-19.

Terza dose, Speranza: «Dal 1° dicembre a 40-60enni»

Covid, in Germania allarme rosso: si temono altri 100mila morti. «Vaccini non bastano, serve fare come Italia»

I dati delle Regioni

Lombardia

Sono 7.891 i nuovi contagi da Covid (+1.859) con 487mila tamponi(-158mila). Sono i dati del bollettino odierno del ministero della Salute che registra anche 60 decessi (-8) e un tasso di positività dell'1,6% (+0,7%). In Lombardia sono stati rilevati 1.073 nuovi casi, in Veneto 931 e in Campania 814. Gli attualmente positivi salgono a 102.859 (+2.654) dei quali 3.447 ricoverati nei reparti ordinari (+11) e 423 in terapia intensiva (+2). Restano in isolamento domiciliare 98mila pazienti mentre sono 5.319 le persone dimesse o guarite.

 

Lazio

«Oggi nel Lazio su 13.247 tamponi molecolari e 22.588 tamponi antigenici per un totale di 35.835 tamponi, si registrano 796 nuovi casi positivi (+23), 5 decessi (-7), 521 ricoverati (-2), 62 terapie intensive (+1) e +793 guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,2%. I casi a Roma città sono a quota 325». Così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. «Le somministrazioni del vaccino covid sono aumentate del 27% rispetto al dato di una settimana fa, in prevalenza terze dosi il 67%, il 25% sono seconde dosi e prime dosi al 8% - sottolinea D'Amato - Oggi su cinque decessi due sono non vaccinati di 54 e 58 anni e due non hanno completato il percorso vaccinale. Rinnovo l'appello a non abbassare la guardia e ad eseguire la vaccinazione covid, compresa la terza dose per la popolazione over 60 anni che può essere fatta dal medico di medicina generale, nella stessa seduta vaccinale del vaccino antinfluenzale e anche in farmacia».

 

Veneto

In Veneto si sono sfiorati i 1.000 nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore: per l'esattezza si sono registrati 931 nuovi positivi, rispetto agli 883 di ieri. Il totale degli infetti dall'inizio della crisi raggiunge i 487.192. Lo riferisce il bollettiono della Regione Veneto, con l'incidenza, pari all'1,1% sugli 84.248 tamponi eseguiti.

«La vaccinazione un effetto clinico ce lo dà: Tra i vaccinati c'è meno possibilità di avere sintomi o, se ci sono, sono lievi. I vaccinati ricoverati negli ospedali inoltre sicuramente non la fanno da padrone nelle terapie intensive, dove primeggiano invece i non vaccinati». Lo ha sottolineato il presidente del Veneto Luca Zaia nel corso di un punto stampa. Il governatore del Veneto ha così confrontato i dati relativi ad oggi e al 10 novembre dello scorso anno. Il 10 novembre 2020 in Veneto a fronte di 50mila tamponi di allora erano stati individuati 2763 positivi (con una incidenza del 5,47%) ed erano ricoverate in terapia intensiva 210 persone, mentre 1700 si trovavano ricoverate nelle aree mediche. Oggi, con l'84,7% dei veneti vaccinati e 84mila tamponi effettuati, si sono individuati 931 positivi (con una incidenza dell'1,11%) mentre i ricoveri nelle terapie intensive sono 57 e 273 quelli nelle aree non critiche.

Emilia Romagna

Sono 549 i nuovi casi di positività al Coronavirus individuati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore sulla base di circa 29mila tamponi messi a referto. Si contano otto morti, tutti sopra gli 80 anni, tre nel Forlivese, due in provincia di Bologna e uno in quelle di Parma, Ravenna e Rimini. Prosegue anche la crescita dei ricoverati: con il 95,7% dei circa 9mila casi attivi in isolamento domiciliare, in terapia intensiva ci sono 41 pazienti (uno in più di ieri), mentre negli altri reparti Covid ce ne sono 350 (+12). Dei nuovi positivi, 176 sono asintomatici, mentre l'età media è di 42,2 anni. In termini assoluti, Bologna è la provincia con il numero più alto di contagi con 134 casi (46 dei quali nel circondario Imolese), seguita da Forlì-Cesena (113) e Ravenna (109).

Piemonte

Sono 423 i nuovi casi di Covid in Piemonte riportati oggi dall'Unità di crisi della Regione. Il tasso di positività è dello 0,9%, rispetto ai 48.394 tamponi diagnostici eseguiti, di cui 41.411antigenici. Gli asintomatici sono 232, il 54,8%. Quattro i decessi, di cui 1 relativo a oggi gli altri a giorni precedenti, il totale delle vittime da inizio pandemia sale a 11.839. I ricoverati in terapia intensiva sono 24, lo stesso numero di ieri, mentre negli altri reparti c'è stato un calo di -7, rispetto a 24 ore prima, e il numero totale scende a 226. Le persone in isolamento domiciliare sono 4.893, i nuovi guariti 230.

Liguria

Ci sono 431 nuovi positivi al covid in Liguria, emersi dopo 5.411 tamponi molecolari e 9.029 test antigenici rapidi. È quanto emerge dal bollettino quotidiano di Regione Liguria, redatto sulla base del flusso dati tra Alisa e il ministero che segnala un allineamento di 159 positività (154 della Asl5 spezzina), dopo dei problemi tecnico informatici nella trasmissione dati ad Alisa tra il 4 e il 7 novembre. Alla fine a livello territoriale risultano 275 i nuovi contagi alla Spezia (Asl5), 52 a Imperia (Asl1), 27 a Savona, 39 a Genova e 36 nel Tigullio. Due nuovi positivi non sono residenti in Liguria. L'incidenza di positività con questi nuovi casi, sul totale dei tamponi effettuati, risulta pari al 3%. C'è un nuovo decesso, una donna di 63 anni morta l'8 novembre all'ospedale Galliera di Genova. Crescono di un paziente i malati ricoverati in ospedale, che diventano 112 (+1), dieci dei quali in terapia intensiva (+1). Tornano in calo comunque i pazienti pediatrici, con 4 malati ora ricoverati all'ospedale Gaslini (-2). Il totale dei casi positivi in regione balza quindi di 259 unità a 2.948. Sono 90 in più le persone in isolamento domiciliare (1.503 in totale). Son 2.404 i soggetti in sorveglianza attiva (67 in più). Sul fronte dei vaccini, nelle ultime 24 ore sono stati 6.414 i Pfizer o Moderna, di cui salgono a 943.822 le seconde dosi somministrate in regione e a 61.782 le dosi aggiuntive. Ancora una volta non risulta alcuna nuova vaccinazione con AstraZeneca o J&J.

Marche

Picco di nuovi contagi al coronavirus in un giorno nelle Marche: ne sono stati rilevati 301 per un'incidenza su 100mila abitanti che schizza da 72,66 di ieri a 83,40. Intanto però i ricoveri restano sostanzialmente stabili (sono 93; +1) e non si sono registrati decesso correlati alla pandemia (il totale finora è 3-118). Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione. Sono in particolare la provincia di Pesaro (99 casi) e di Ancona (81) a far registrare un'impennata di contagi; seguono Macerata (43), Fermo (35) e Ascoli Piceno (34), nove i casi da fuori regione. Tra i nuovi positivi ci sono 56 persone con sintomi; i casi comprendono 79 contatti stretti di positivi, 80 contatti domestici, 18 in ambiente di scuola/formazione, quattro di lavoro, 8 di vita/socialità, quattro in setting assistenziale e due in setting sanitario. Oltre 4mila i tamponi eseguiti (4.110 tra cui 2.305 nel percorso diagnostico, con il 13,1% di positivi, e 1.805 nel percorso guariti) a cui si aggiungono 1.031 test antigenici (74 positivi). I ricoveri salgono di un'unità (93) ma risultano in calo i degenti in terapia intensiva (22; -1) e in Semintensiva (25; -2) mentre aumentano i pazienti nei reparti non intensivi (46; +4). Le persone dimesse sono nove nell'ultima giornata. Nelle strutture territoriali sono assistite 60 persone e cinque sono in osservazione nei pronto soccorso. Il totale dei positivi continua a salire (2.916; +84) così come quello delle quarantene per contatto con contagiati (4.603; +406) mentre i guariti/dimessi raggiungono i 111.677 (+215).

Abruzzo

Sono 221 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Si tratta del dato più alto da oltre sei mesi e, in particolare dal primo maggio scorso, quando i nuovi casi erano stati 226. Con l'aggiornamento odierno l'Abruzzo supera quota 84mila contagi complessivi: sono ora 84.101. I casi recenti sono emersi dall'analisi di 4.248 tamponi molecolari: è risultato positivo il 5,2% dei campioni. In lieve aumento i ricoveri complessivi, che passano da 84 a 87, ma si riducono quelli in terapia intensiva. Non si registrano decessi: il bilancio delle vittime è fermo a 2.566. I nuovi positivi hanno età compresa tra 5 e 100 anni. Gli attualmente positivi sono 2.511 (+158): 81 pazienti (+4) sono ricoverati in ospedale in area medica e 6 (-1) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 2.424 (+155) sono in isolamento domiciliare. i guariti sono 79.024 (+61). Degli 84.101 casi complessivi, 21.640 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+66), 21.234 in provincia di Chieti (+34), 20.002 in provincia di Pescara (+41), 20.402 in provincia di Teramo (+65) e 682 fuori regione (-1), mentre per 141 (+14) sono in corso verifiche sulla provenienza.

Campania

Sono 814 i casi positivi in Campania, nelle ultime 24 ore, su 27.325 test esaminati. secondo i dati del bollettino dell'Unità di crisi della Regione. Risale l'indice di contagio che passa dall'1,68% al 2,97%. Quattro le persone morte: tre nelle ultime 48 ore; 1 deceduta in precedenza ma registrata ieri. Negli ospedali sale a 20 (+2) il numero dei posti letto occupati nelle terapie intensive e a 283 (+2) i ricoveri in degenza.

Calabria

Restano stabili i contagi riscontrati nelle ultime 24 ore in Calabria: sono 143 i nuovi positivi - ieri erano 150 - con 4.470 tamponi e il tasso che dal 2,76 risale al 3,20%. C'è da registrare anche un decesso, a Catanzaro, che porta il totale delle vittime a 1.458. Aumentano di due unità i ricoveri in terapia intensiva (9) mentre restano fermi a 110 quelli nei reparti di cura. Sono 136 guariti (in totale 84.006), sei gli attualmente positivi (3.544) e quattro in isolamento (3.425). In Calabria, ad oggi - riportano i dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali della Regione Calabria - il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1.340.067 e le persone risultate positive 89.008. Territorialmente, dall'inizio dell'epidemia, i casi positivi sono così distribuiti: Catanzaro: Casi attivi 203 (12 in reparto, 3 in terapia intensiva, 188 in isolamento domiciliare); Casi chiusi 11530 (11371 guariti, 159 deceduti); Cosenza: Casi attivi 1475 (36 in reparto, 4 in terapia intensiva, 1435 in isolamento domiciliare); Casi chiusi 27158 (26500 guariti, 658 deceduti); Crotone: Casi attivi 221 (13 in reparto, 0 in terapia intensiva, 208 in isolamento domiciliare); Casi chiusi 8560 (8445 guariti, 115 deceduti); Reggio Calabria: Casi attivi 1190 (39 in reparto, 2 in terapia intensiva, 1149 in isolamento domiciliare); Casi chiusi 30155 (29742 guariti, 413 deceduti); Vibo Valentia: Casi attivi 348 (9 in reparto, 0 in terapia intensiva, 339 in isolamento domiciliare); Casi chiusi 6760 (6656 guariti, 104 deceduti).

Valle d'Aosta

Nessun decesso e 7 nuovi casi positivi al Covid 19 in Valle d'Aosta. Da inizio epidemia i contagi salgono, pertanto, a 12.372. I positivi attuali sono 85 di cui 79 in isolamento domiciliare e 6 ricoverati in ospedali. I guariti sono complessivamente 11.813, +5 rispetto a ieri, i casi testati 93.786, i tamponi fino ad oggi effettuati 246.089. I decessi di persone risultate positive al Covid da inizio emergenza in Valle d'Aosta sono 474.

 
Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA