Il destino lo tracciamo noi con la mano di Dio

Mercoledì 13 Giugno 2018 di Roberto Gervaso
Ho vissuto e continuerò a vivere. Lo sento. L'universo è grande.
- La Storia non insegna niente. Anche agli uomini che la fanno.
- Gli storici sono sempre di parte. Anche se non lo sanno.
- Ho sempre disprezzato il denaro che non ho guadagnato.
- Il mio corpo è una necropoli; la mia mente, un vulcano in eruzione.
- Per prendere un abbaglio, mi basta un'occhiata.
- È troppo ricco e non sa come spendere il proprio denaro. Peggio per lui.
- Chi dice che il denaro non dà la felicità evidentemente ha fatto male i conti.
- Le donne amano la ricchezza e il potere. È questo che le rende tanto inaffidabili.
- Gli arricchiti, abituati a mettersi le dita nel naso, li riconosci quando se lo soffiano.
- Gli eredi sono più impazienti di una donna in preda alle doglie.
- La madre della denigrazione è l'invidia.
- L'invidia è una forma perversa di adulazione.
- Ho desiderato tutto, ma in fondo ho avuto quello che volevo davvero.
- Ci si può pentire di tutto il male fatto. Basta ricordarselo.
- La natura è la nostra madre: ci ha creato. E noi, per riconoscenza, la stupriamo.
- Gli uomini vogliono la guerra perché non sono mai riusciti ad essere in pace con se stessi.
- Il depravato è un vizioso che abusa dei propri vizi.
- Il destino può tutto. Soprattutto quando cerchiamo di cambiarlo.
- È inutile ribellarsi al destino. Ci schiaccerà sempre.
- Il destino lo tracciamo noi con la mano di Dio.
- Belzebù è un grande cuoco, e la sua specialità è il pollo alla diavola.
- Gli indemoniati sono santi che non hanno saputo realizzarsi.
- Non sono mai sceso a patti col diavolo. E nemmeno con i santi.
- Il diavolo è un grande avvocato: insinuante nelle requisitorie, appassionato nelle arringhe.
- Nessuno, meglio del diavolo, sa riscaldare le donne frigide.
- Non ho mai tenuto diari. Voglio essere giudicato dai contemporanei, non dai posteri.
- Mai pensare a quello che potrebbe capitarci, ma non ci è ancora capitato.
- Nel riconoscere i difetti altrui sono infallibile.
- Se fossi diverso, vorrei tornare ad essere quello che sono.
- Il carattere è la linfa e il cemento della personalità.
- Non sarò mai così vecchio da non sperare di vivere di più.
- Se devo rimbambirmi voglio rimbambirmi completamente. Senza lampi di lucidità.
- Il cretino, quando ragiona, mi fa pensare.
- Non sono mai andato in guerra. Il nemico vita mi è bastato. © RIPRODUZIONE RISERVATA