ROMA

Rifiuti, dietrofront Ama sui siti per i camion: raccolta ancora a rischio. La mappa delle sette località a Roma

Mercoledì 21 Agosto 2019 di Lorenzo De Cicco
2

I nuovi siti appena scelti per i camion dei netturbini? Non sarebbero «idonei», ha scoperto ora la municipalizzata dei rifiuti. E il pasticcio non è di poco conto, perché mette a rischio la riuscita di un’operazione considerata fondamentale dal Campidoglio per riorganizzare il servizio e soprattutto per ridurre i ritardi nella raccolta dell’immondizia. Raccolta lumaca, come sanno i residenti di tanti quartieri della Capitale, alle prese con i bidoni stracolmi perché i compattatori passano a singhiozzo. Tra i fattori che rallentano il passaggio degli operatori, c’è il fatto che a Roma mancano le aree di «trasbordo». Insomma, i centri di travaso del pattume, spiazzi dove i camion sversano la spazzatura nei mezzi più grandi, diretti verso discariche e inceneritori lungo lo Stivale (Roma, come noto, non ne ha).

LE CRITICITÀ
Problema: la Capitale, dopo il maxi-rogo che ha distrutto il Tmb del Salario, si è ritrovata con una sola area per questa operazione, a Rocca Cencia. Dopo l’incendio, a gennaio, è stato attivato il sito di Ponte Malnome, non molto distante dall’ex discarica di Malagrotta, ma un pezzo di Movimento 5 Stelle, radicato elettoralmente da quelle parti, ha sostanzialmente messo il veto, imponendo che quell’opzione durasse al massimo sei mesi. E così è stato previsto dal Comune e dall’Ama. Ecco perché da fine luglio è stato allestito un nuovo sito a Saxa Rubra - con le proteste di chi abita e lavora in zona - ma da solo non basta. Ecco perché la Direzione Rifiuti del Campidoglio, guidata dalla manager Laura D’Aprile, muovendosi per tempo, già da dicembre ha messo insieme un pool di tecnici del dipartimento Ambiente, dell’Urbanistica e dell’Ama proprio per buttare già una lista con le alternative. Dopodiché l’Ama ha stilato una prima bozza, che è stata condivisa con i municipi. I minisindaci hanno spedito al Campidoglio una serie di considerazioni, cassando alcune zone e suggerendone altre. Al termine di questo lavoro, il 31 luglio, la Direzione Rifiuti comunale ha finalmente approvato l’elenco definitivo dei siti. Nel documento erano annotati sette indirizzi, dislocati in sei municipi: Ponte Mammolo (IV Municipio), Piazzale Pino Pascali al Prenestino (V), un parcheggio in via Anagnina e un altro sito in via Schiavonetti (entrambi nel VII), poi ancora Tor de’ Cenci (IX), Via Piolti De Bianchi a Torrevecchia (XIII), Via Vinci dietro all’ex manicomio di Santa Maria della Pietà, nel XIV.
I PERICOLI
Avrebbero dovuto essere operativi «entro 30 giorni», cioè per fine agosto. Invece, il 6 del mese, l’ufficio Patrimonio dell’Ama ha scritto che molti di quei siti non sarebbero utilizzabili, almeno non nell’immediato. Motivo? Le aree sarebbero troppo piccole per i nastri trasportatori. Insomma, inservibili, così come sono. Risultato: quei siti non apriranno, di sicuro non entro fine agosto. Slitterà quindi il piano per velocizzare la raccolta, che a settembre, col rientro di molti romani dalle vacanze, rischia di tornare in tilt. 

Ultimo aggiornamento: 08:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma