ROMA

Gaia e Camilla morte a Corso Francia, il dolore del liceo De Sanctis: «Rimane solo il nostro pianto disperato»

Domenica 22 Dicembre 2019
Incidente Corso Francia, il dolore del liceo delle due ragazze: «Rimane solo il nostro pianto disperato»

«Non ci sono parole per spiegare quello che stiamo vivendo. Rimangono solo il nostro silenzio e il nostro pianto disperato». Queste le parole conclusive di un breve post su Facebook scritto dal personale del Liceo Gaetano De Sanctis di Roma, l'istituto frequentato da Gaia e Camilla, le due 16enni morte ieri sera in un terribile incidente a Corso Francia. Le ragazze, amiche a scuola e anche fuori, ieri, come spesso capitava, avevano trascorso la serata a Ponte Milvio, nella zona dei locali della movida. 

Incidente Corso Francia, il Suv semidistrutto dopo lo schianto


L'amico. «Le ho viste pochi minuti prima dell' incidente. Ci siamo incontrati a ponte Milvio. Erano felici come si sta al primo giorno di vacanza». A raccontarlo un amico delle due ragazze investite la scorsa notte a Roma. «Erano con degli altri amici ieri sera - ricorda il ragazzo, con le lacrime agli occhi mentre cammina sotto casa di Gaia - era la mia migliore amica, una ragazza splendida, sorridente e sempre pronta ad aiutare gli altri. Camilla era più timida. Si volevano molto bene».
 

 

Un ristoratore. «Poco dopo la mezzanotte abbiamo sentito un grande frastuono e come me sono usciti anche alcuni clienti dal locale. Pensavamo ad un tamponamento, poi abbiamo visto le due ragazze per terra. La polizia è arrivata dopo pochi minuti, poi è sopraggiunta l'ambulanza ma non c'è stato nulla da fare. Anche un paramedico con lo scooter che passava per caso si è fermato per dare una mano. Sulle dinamiche non possiamo dire nulla, non ho visto. Quella è una strada larga, dritta, dove di notte tutti corrono e che per questo può diventare pericolosa. Bisognerebbe fare qualcosa per obbligare la gente a mantenere una velocità adeguata». Così all'ANSA Alessio Ottaviano manager del ristorante T-Bone Station a ridosso di Corso Francia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA