Ragazzo morto folgorato dal cancello elettrico a Roma: aveva 14 anni, tragedia alla Borghesiana

Il ragazzo stava giocando con un amico, lo strazio della famiglia: «Siamo disperati»

Ragazzo morto folgorato dal cancello elettrico a Roma: aveva 14 anni, tragedia alla Borghesiana
di Raffaella Troili
4 Minuti di Lettura
Sabato 30 Luglio 2022, 07:39 - Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 15:23

Folgorato dal cancello elettrico condominiale. Un 14enne, Saiti Skender, è morto così nella serata di ieri in via Regalbuto al quartiere Borghesiana sotto casa dell'amico caro, anche lui minorenne, con cui stava giocando. I due a quanto pare erano soliti vedersi per scambiarsi chiacchiere e battute, ma ieri sera per cause ancora da accertare è accaduto il dramma: il ragazzo ha toccato il cancello ed è rimasto folgorato.
Si è accasciato a terra davanti all'amico, che spaventato ha chiamato subito in suo aiuto parenti e amici che erano in casa e che hanno provato invano a rianimarlo come pure gli operatori del 118 arrivati immediatamente sul posto. Ma è stato tutto inutile, come la disperata corsa in ospedale al Policlinico Tor Vergata, dove è giunto in codice rosso, purtroppo già in fin di vita e dove i medici del Pronto soccorso hanno tentato invano di riportarlo in vita. Non c'è stato nulla da fare. Alle 21.10 il ragazzino è morto per arresto cardiocircolatorio da folgorazione.

Cammina a piedi sul Gra, 25enne travolto e ucciso da un tir: malore per l'autista, mistero a Roma


Saiti Skender, nato a Roma, di origine rom, viveva poco lontano, in via Atteone a Torre Angela. Era conosciuto come un ragazzo allegro e vivace. La famiglia è caduta nella disperazione: sotto choc i parenti che nella notte si sono radunati all'esterno dell'ospedale. La disperazione e il gran numero di persone accorse hanno creato momenti di tensione e sono accorse alcune pattuglie dei carabinieri. Sono i carabinieri della compagnia di Frascati, che ha competenza sull'area di Tor Vergata, a indagare sull'accaduto.
IL DOLORE

Una tragedia che, di fatto, ha gettato nello sconforto la folta comunità rom che vive nella zona. Una serata d'estate spensierata finita male, con un adolescente folgorato e tante domande a cui saranno i carabinieri che indagano a dover dare risposta. Sono in corso accertamenti per capire cosa è davvero accaduto. Soprattutto perché non appena Saiti ha toccato le sbarre di ferro del cancello elettrificato che si aziona con un telecomando, è rimasto folgorato sul posto a tal punto che tutti i tentativi di rianimarlo si sono rivelati alla fine inutili.

Brescia, ragazzino di 15 anni morto investito mentre torna a casa a piedi dopo la Notte bianca


LE INDAGINI
L'ipotesi è che alcuni fili elettrici fossero a contatto con le sbarre e che dunque sarebbero fuoriusciti dall'impianto. La corretta messa a norma del cancello è dunque per ora al centro dell'attenzione degli investigatori. Accertamenti sono in corso per capire come sia stato possibile che si verificasse una simile tragedia che ha lasciato sconcertati e affranti, tutti a cominciare dai soccorritori e le forze dell'ordine intervenute sul posto. I due, a quanto pare, giocavano sempre sotto casa. Ma ieri qualcosa è andato storto. E molto resta da chiarire sulla dinamica di questo strano incidente, una serata tra amici finita così, con il giovane Saiti folgorato mortalmente e l'amico disperato a dare l'allarme, chiamare i soccorsi, avvisare i parenti. «Aiutatemi, venite subito qui sotto, Saiti è a terra, non si muove».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA