Guidonia, parrocchie mobilitate: "letterine" a Babbo Natale per i bambini bisognosi

Uno dei globi di luce natalizi al quartiere Marco Simone di Guidonia
di Elena Ceravolo
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Dicembre 2020, 15:43

La magia del Natale nonostante la pandemia. Questo l’obiettivo dei Comuni e dei ragazzi delle parrocchie di Guidonia e Tivoli dove ieri, giorno dell’Immacolata, sono già partite tante iniziative. La Diocesi che ha lanciato un concorso sui presepi e tante associazioni di quartiere hanno messo in campo idee per animare le Feste. È dura ma la gente sa che prima o poi, in qualche modo, se ne uscirà.
“Dono sospeso” è l’iniziativa nata in collaborazione con la Caritas della chiesa di Santa Maria di Loreto di Guidonia centro. La anima un gruppo di giovani. Da ieri sono state posizionate cassette postali che resteranno fino al 14 dicembre in due supermercati: il Pewex de Le Palme (via Tiburtina 330-352, Tivoli Terme) e il Carrefour di via delle Petunie (Collefiorito). Chi ha bisogno di un aiuto per esaudire un desiderio dei figli può inserire un messaggio. Saranno smistati a chi si sta offrendo per adottare le “letterine”, un piccolo esercito di Babbo Natale volontari pronti a fare solidarietà. Chi ha voglia di donare può contattare i ragazzi tramite il profilo social (“Dono sospeso”).


«Abbiamo pensato di creare – spiegano gli organizzatori - una rete di supporto tra chi è stato più colpito dalla pandemia e chi invece ha la possibilità di aiutare. Nasce per mantenere viva nei bimbi la magia del Natale, per metterci in comunicazione e sentirci meno soli». Nella letterina vanno inseriti il nome di battesimo dei piccoli, l’età, un codice di riconoscimento formato da quattro lettere e tre numeri a scelta. Poi, l’indicazione del desiderio. Il codice serve per la consegna del regalo senza identificare il cognome. Per qualsiasi dubbio si può scrivere sulle chat social. Chi, invece, si vuole fare avanti per donare può farlo via Messenger oppure per email all’indirizzo donosospeso@gmail.com.


Gli aiutanti di Babbo Natale (già più di cento) sono già al lavoro. C’è tempo fino al 22 dicembre per comprare il dono che poi verrà smistato. Anche l’associazione di cittadini Marcosimoneonline ha messo in moto la fantasia pur di non lasciare il quartiere senza iniziative di Natale, visto che quest’anno non si potrà organizzare il mercatino. Via, quindi, ad “Accendiamo la speranza”. Si tratta di un concorso che premierà le luminarie: sarà votata la casa meglio addobbata. Per partecipare basta inviare una foto (no video) con le decorazione luminose, siano esse per una sola abitazione o per l’intera via. Esclusivamente nel territorio di Marco Simone - Setteville Nord - Laghetto. La foto che entro la mezzanotte di domenica 20 dicembre riceverà più like vincerà cinque litri di olio extravergine d’ oliva della Sabina.


«Nel frattempo – sottolineano dall’associazione - stiamo chiedendo l’autorizzazione alla scuola di via Appiano per esporre nel giardino il cosiddetto Villaggio Polare, fatto di luci e “palle”, così che tutti possano goderne». Si tratta dei bellissimi addobbi che fino all’anno scorso hanno allietato il mercatino. La Diocesi di Tivoli è pronta a scegliere i presepi più belli realizzati in casa. Fino al 15 dicembre sarà possibile inviare la foto della propria rappresentazione della Natività. Ne stanno arrivando tante. Per i tiburtini l’indirizzo internet è curia@tivoli.chiesacattolica.it, per quella di Palestrina segreteria@diocesipalestrina.it. Le immagini verranno suddivise in categorie: anziani, ragazzi sotto i 14 anni, dai 14 ai 20 anni, famiglie. Saranno selezionate da una giuria. Le immagini più belle finiranno sui siti internet del vescovato. Ai migliori sarà regalata una Bibbia e le migliori addobberanno gli abeti natalizi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA