Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'ex rapper Fratellì condannato a 4 anni: «Picchiava la fidanzata, non accettava il suo passato da pornostar»

L'ex rapper Fratellì condannato a 4 anni: «Picchiava la fidanzata, non accettava il suo passato da pornostar»
di Francesca De Martino
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 07:56 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 09:24

«Simona sapeva che ogni qualvolta veniva tirata fuori la questione che era stata una pornostar, anche in una diretta social, questo lo faceva esplodere». Così il giudice monocratico Renato Orfanelli, motiva la condanna a 4 anni di reclusione, arrivata l'11 febbraio scorso, a carico del rapper e influencer romano Algero Corretini, alias Fratellì, 26 anni. L'accusa era maltrattamenti in famiglia e lesioni ai danni della compagna, l'ex attrice hot Simona Vergaro. I fatti risalgono al periodo tra il 2020 e il 2021. Alla base degli attacchi di gelosia, per il giudice, c'era il trascorso da pornostar della Vergaro: «Era l'incubo dell'uomo e, purtroppo, anche della donna».

Rapper 1727 wrldstar «Fratelli', ho preso il muro...» arrestato, botte alla compagna con un bastone di ferro

A raccontarlo è stata la vittima in aula: «Dopo che un ragazzo mi aveva insultata in una diretta Instagram ho avuto paura - si legge ancora nelle motivazioni - e sono uscita da casa perché temevo mi mettesse le mani addosso. Era già successo». La donna, convivente dell'imputato, per la Procura, avrebbe subito vessazioni di ogni tipo: «Una volta me lo sono trovata tutto d'un tratto sopra di me, mi colpiva con una mazza di ferro, l'asta dell'armadio», aveva spiegato la donna alla corte, con la voce rotta dalla commozione. Dichiarazioni che il giudice ripercorre motivando la sentenza. La maggior parte delle aggressioni che la Vergaro avrebbe subito, per il Tribunale sarebbero state di una «violenza inaudita». Il difensore dell'imputato, l'avvocato Salvatore Sciullo, subentrato in Appello, ha commentato: «Chiederemo la riapertura del dibattimento per chiarire la posizione del mio assistito».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA