Diabolik, la tifosa della Roma porta fiori al cimitero: «Siamo tutti umani»

Martedì 13 Agosto 2019
«Chi è che non conosce Piscitelli? A Roma tutti conosco i capi ultrà. Sono venuta qui a chiudere giustizia, spero che prendano l'assassino. Nessuno merita di morire in questa maniera». Simona, una tifosa «romanista» stringe in pugno un mazzo di rose e una coppia di crisantemi, uno bianco e uno azzurro. Alle sei e trenta del mattino si è presentata di fronte all'ingresso del cimitero Flaminio dove alle sei si sarebbero dovute svolgere in forma privata le esequie di Fabrizio Piscitelli, il leader degli Irriducibili ucciso mercoledì scorso a Roma. Simona abita a Roma Nord, nelle vicinanze del cimitero. «Sono venuta qui per rendere omaggio a Fabrizio da semplice cittadina - aggiunge - perché siamo tutti essere umani, tutti hanno i propri scheletri nell'armadio. Era pur sempre un marito e un padre di famiglia».

Funerali Diabolik, il rinvio e gli ultimi aggiornamenti

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma