Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Colosseo, i bagarini ancora padroni: abusivi scatenati nonostante i biglietti. Per fermarli serve la polizia

Impiegate anche pattuglie in borghese. I controlli proseguiranno per tutta l’estate

Colosseo, i bagarini ancora padroni: abusivi scatenati nonostante i biglietti. Per fermarli serve la polizia
di Laura Larcan
4 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 22:52 - Ultimo aggiornamento: 3 Luglio, 17:33

I pretoriani sono tornati al Colosseo. Come fossimo ripiombati all’epoca di Commodo. Il monumento icona di Roma e d’Italia si ritrova ad essere un campo di battaglia degno delle cronache di Cassio Dione. Da un lato, le truppe dei bagarini che assediano senza tregua la piazza dell’Anfiteatro, mettendo in campo la vendita illegale di biglietti d’ingresso a prezzi triplicati. Dall’altra, la controffensiva di una legione di oltre quaranta agenti delle forze dell’ordine. La polizia di Stato schierata in divisa e in borghese, la municipale, i carabinieri, anche la Finanza. Lo scontro è andato in scena ieri mattina presto. Difficile definirne l’esito. Perché gli adescatori dei turisti negli ultimi mesi sono tornati in forze, hanno ricalibrato il business post Covid facendo leva sulle falle del sistema di bigliettazione. Comprano tutto e creano un regime di biglietti esauriti in modo da rivenderseli con ampio margine. Sono mesi che va avanti questo assedio logorante.

Il parco archeologico del Colosseo diretto da Alfonsina Russo tenta la sfida, inaugurando la rivoluzione dei biglietti nominativi. Nome e cognome e documento d’identità per entrare. E’ un primo colpo. Ma serve un “reparto militare”. La direttiva è arrivata dalla Questura di Roma: da ieri, infatti, sono entrati a regime presidi e controlli itineranti che andranno avanti per luglio e agosto: l’alta stagione del Colosseo che in media ora registra già 22.000 visitatori al giorno. Tre funzionari a coordinare i movimenti inter-forze nell’area. Ma gli adescatori non mollano. Lavorano per strategie. Si spartiscono le zone.

L’ADESCAMENTO

Anche se i controlli sono serrati. «Cerchi i biglietti per il Colosseo? Oggi è tutto esaurito, è sabato, ma te li do io. Abbiamo tour ogni ora, in inglese, spagnolo...Sono 40 euro a persona». La trattativa va in scena a pochi metri dal Colosseo, sul fianco toccato da via dei Fori Imperiali. Il bagarino di turno è una donna corpulenta. Parla inglese. Mostra un badge sulla maglietta, “tourist information”, un po’ sbiadito. Si spinge con le spiegazioni: «Guarda che se non lo fai con noi, oggi non entri...». Un adescatore indiano, camicia bianca e bermuda, cerca di contrattare con il personale del Colosseo ai varchi. «Ho i biglietti, li ho comprati regolarmente... come faccio con queste persone adesso?». «Se corrispondono ai documenti di identità non c’è problema», replica l’addetto. 

LA TENSIONE

La discussione continua. La tensione sale. La voce di alza. Gli agenti di polizia fanno la ronda. Loro, l’esercito del biglietto lievitato, sono in modalità “basso profilo”. Stazionano lungo i punti cruciali di passaggio dei turisti sulla piazza, in allerta. Le vedette fanno la posta. La zona davanti alle biglietterie ha il suo “capo”. Maglietta rossa e cappellino bianco, parla italiano ma con forte accento straniero dell’est. Un bagarino indiano tenta l’adescamento: «Vuoi biglietti per il Colosseo? Oggi tutto esaurito, nulla, anche domani, inutile che vai alla biglietteria, te li vendo io». Non fa in tempo ad iniziare la trattativa che gli piomba addosso l’uomo dalla maglietta rossa: lo prende per il collo e gli dice: «Che caz...o stai a fare, eh? Vattene via subito». E lo trascina via. Pochi secondi e si riappropria della zona. C’è chi tenta di agganciare i turisti anche a ridosso dell’ingresso principale. 

 

I VERBALI

La polizia è pronta. Fanno i verbali. Inizia la sceneggiata: «Ho famiglia, devo lavorare, ho un contratto...». Poi i toni si fanno più aspri. Si allontanano, spariscono per un po’, poi ritornano. Aspettano. Sulla via Sacra va male anche per gli urtisti. Trolley alla mano devono reincartare tutti i souvenir-paccottiglia e andarsene. I bengalesi delle bottigliette ghiacciate tentano l’affare: 2 euro una bottiglia, 5 euro tre. La polizia li chiama da lontano e quelli scappano. Una sposa attraversa la piazza per il servizio fotografico. Si mette in posa. Magari sullo sfondo dell’inquadratura finisce pure un ambulante. Un bagarino è per sempre? La sperimentazione del biglietto nominativo lo dirà. C’è sempre il rischio che fatta la legge, si trovi il modo per aggirarla. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA