Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bambino di 2 anni annega a Santa Severa: era al mare con la baby sitter, indagano i carabinieri

Il piccolo è annegato nello specchio d'acqua antistante lo stabilimento "Nuova Oasi" sul lungomare Pyrgi

I divieti a Santa Severa dove il mare è pericoloso
di Mirko Polisano
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Luglio 2022, 16:29 - Ultimo aggiornamento: 6 Luglio, 00:53

Un bambino di due anni e mezzo è morto annegato mentre faceva il bagno a Santa Severa. Il piccolo, Francesco M, è annegato nello specchio d'acqua antistante lo stabilimento "Nuova Oasi" sul lungomare Pyrgi. A nulla sono valsi i soccorsi: i medici hanno provato a rianimarlo ma non c'è stato nulla da fare. Sulla vicenda indaga la Procura di Civitavecchia. 

Roma, festa in piscina finisce in tragedia: 19enne si tuffa e annega. Si indaga per omicidio colposo

 

Il bimbo era al mare con la baby sitter 

I medici della Croce Rossa hanno richiesto l'intervento dell'eliambulanza. Il trasporto in volo all'ospedale Bambino Gesù, dove è stato constatato il decesso. Da quanto risulta da una prima ricostruzione, il piccolo stava giocando a riva con la sorellina e stavano trascorrendo una giornata al mare insieme alla baby-sitter che, forse a causa di una distrazione, non si è accorta di quanto stava succedendo. Il bimbo è caduto in acqua e non è riuscito a rialzarsi, annegando. I genitori che erano al lavoro a Roma, dove la famiglia risiede, si sono precipitati in ospedale, dove poco dopo il piccolo è deceduto. 

I militari della stazione di Santa Marinella e della Compagnia di Civitavecchia stanno acquisendo le testimonianze della baby sitter e dell'uomo che ha prestato i primi soccorsi.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA