Roma, allarme albergatori: «Dopo un anno di Covid, uno su quattro non riaprirà»

Roma, allarme albergatori: «Dopo un anno di Covid, 1 su 4 non riapre»
2 Minuti di Lettura
Sabato 30 Gennaio 2021, 15:08 - Ultimo aggiornamento: 15:26

Un albergo su quattro, a Roma, non riuscirà ad aprire. Dopo un anno di crisi da Covid, questi sono i dati denunciati dall'associazione di categoria legata al turismo. «Ad oggi, quasi il 95% delle strutture alberghiere risultano chiuse a Roma - dice il presidente di Federalberghi Roma Giuseppe Roscioli tracciando un primo bilancio di un anno dall'inizio dell'emergenza Covid - Molti albergatori hanno preferito da marzo scorso non riaprire più».

Covid, la crisi del turismo. Gli albergatori: noi allo stremo, subito una patente per riaprire

Nuove Faq governo: ok a seconde case, novità su sport, asporto, pesca e amici

«Siamo l'unico settore in cui tante realtà hanno fatturato veramente zero. Oggi ci risultano aperti circa 80 alberghi sui 1.200 presenti in città, il 25-30% dei quali non riaprirà più perchè venivano da situazioni giù difficili. I gestori venderanno i locali o restituiranno le chiavi se sono in affitto. Roma, come Milano, Torino, Bologna, Napoli, è stata la più colpita. Qui un anno fa furono ricoverati allo Spallanzani i due cinesi contagiati, poi ci fu il blocco dei voli da e per la Cina e da lì è storia nota». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA