Al farmer’s market di piazza Ragusa, eccellenze laziali a km 0 in un deposito dismesso

Sabato 30 Maggio 2020
Ha aperto oggi il Mercato dei contadini di piazza Ragusa, che la colonizzazione culturale vi costringe a chiamare Farmer’s Market. Un ex deposito Atac diventa così protagonista di un progetto di rigenerazione urbana, ancorché temporanea. Si tratta di uno dei mercati agricoli più conosciuti della Capitale, dove le aziende del Lazio vendono direttamente i loro prodotti, freschi e di prossimità. Grande varietà e qualità garantita, tutto proveniente dalle campagne del territorio, con degustazioni anticipate dei prodotti in vendita. 

Tra i banchi ci sono merci rinomate come il banco del ‘re del pane', l’unico forno a km 0 perché tutto il grano impiegato proviene dal Lazio o il formaggio ‘caciofiore’, l’originario cacio di cui si nutrivano i legionari romani. Banchi distanziati, corsie per tenere i clienti a distanza di 1,5 metri l’uno dall’altro e procedure specifiche per la consegna della spesa. 

A omaggiare la filiera agroalimentare a km 0 non è voluto mancare il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, avvistato a fare acquisti con tanto di buste al seguito. “Dobbiamo sostenere l’economia del territorio in questo momento di difficoltà. Andrò a fare la spesa ogni settimana in ognuno dei mercati laziali” - ha detto Fabio Rampelli. © RIPRODUZIONE RISERVATA