Cinghiali a Roma, agenti anti sabotaggi e gabbie anche in città: ecco il piano

Animali sempre più aggressivi, i cacciatori potranno intervenire fuori dalle aree verdi

Cinghiali a Roma, agenti anti sabotaggi e gabbie anche in città: ecco il piano
di Camilla Mozzetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 18 Ottobre 2022, 00:09 - Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre, 11:26

Numericamente importanti, sicuramente pericolosi visto poi cosa accade ai cittadini che se li trovano davanti: cadono in terra sotto un mammifero che pesa quintali e che inizia a colpire quasi alla cieca. Una donna, Sabina De Gregorio, per poco non è stata uccisa qualche giorno fa a Colle Salario. Un cinghiale l’ha attaccata e lei si è salvata per un puro ma fortunato caso.

 

Cinghiali, aggredito mentre fa jogging nel parco di Fregene: «Sono caduto a terra, salvo per miracolo»

 

Dunque il problema non riguarda solo più la peste suina (che pure continua a diffondersi tra questi animali) e le “catture” nei parchi dove pure gli episodi dei sabotatori per distruggere le recinzioni sono aumentati. È necessario disporre una serie di interventi volti a contenere una “discesa” continua e inesorabile per le strade urbane che mette a repentaglio anche la vita delle persone. Così la cabina di Regia istituita mesi fa e diretta dalla Prefettura ha valutato - e adottato - una serie di piani e azioni seguenti alla gestione e alla cattura dei cinghiali rispettando la legge e le disposizioni concernenti il periodo annuale di “caccia”. Il caso di Colle Salario è solo l’ultimo, in ordine di tempo, che ha visto uno di questi mammiferi attaccare e ferire una cittadina. 

 


SULLE STRADE
E allora al fianco delle gabbie istallate nelle aree protette - dal parco di Veio a quello dell’Insugherata - sono entrati in azione anche i cacciatori fuori dalle zone verdi seguendo quanto sancito nel Priu, il Piano regionale triennale di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l’eradicazione della peste suina africana. Che vuol dire? Che i cacciatori entrano in azione fuori dai parchi, dove si ritiene necessario il loro intervento “mirato” a partire da quegli angoli della Capitale dove la presenza dei cinghiali è più numerica. Dall’area della Cassia a quella di Monte Mario tanto per intenderci. 

Al fianco di questo i cittadini potranno sempre e comunque segnalare all’istante la presenza di un cinghiale in strada: se un residente tornando a casa o uscendo al mattino si trova davanti l’animale potrà chiamare il 112 e, fanno sapere dalla Prefettura, interverranno la polizia provinciale, un veterinario dell’Asl, più i forestali per narcotizzare, catturare e portar via il cinghiale che verrà poi abbattuto. Il “combinato disposto” cacciatori e allarmi immediati ha finora permesso di raggiungere ottimi risultati sul numero di cinghiali catturati. 


LA MOSSA 
In questi mesi, tuttavia, non sono mancati però i sabotaggi operati da sedicenti ambientalisti nelle zone verdi e dunque all’interno dei parchi per evitare che i mammiferi venissero catturati. Gabbie distrutte sotto “coreografie” che a volte hanno visto l’impiego anche di fumogeni. A decine se ne sono contati di sabotaggi negli ultimi mesi nei parchi e nelle aree verdi protette dove la presenza dei cinghiali è una certezza e dove, in ottica sanitaria, si è varato l’intervento di cattura con le recinzioni. E allora per cercare di bloccare questi episodi la Prefettura ha disposto un sistema di controllo durante le istallazioni delle gabbie: gli operatori degli enti Parco, che tecnicamente si occupano di istallare i dispositivi di cattura, saranno affiancati da personale delle forze dell’ordine. Un deterrente e un motivo di sicurezza per gli operatori ma più in generale per la città stessa.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA