Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trenta furti in pochi mesi, arrestati tre rom di 16 anni: il magistrato li manda in carcere

Trenta furti in pochi mesi, arrestati tre rom di 16 anni: stavolta il magistrato li manda in carcere
di Marco De Risi
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Agosto 2018, 17:43
In pochi giorni, in zona Appio, s’era verificata un’impennata di furti in appartamento. Ecco che gli agenti hanno disposto dei servizi mirati riuscendo a prendere i responsabili: due ragazzine ed un ragazzo di 16 anni, di etnia Rom, dell’Est Europa. Dopo il successo investigativo c’è stato anche lo sconforto da parte dei poliziotti nell’analizzare i furti commessi dal terzetto.

In pratica le due minori risultano avere dei fermi e denunce per una trentina di furti messi a segno in pochi mesi. Il ragazzino, invece, era stato fermato già una decina di volte. Non solo ma i minorenni avevano sistematicamente raggirato le misure di prevenzione alle quali erano stati sottoposti.

Per questo il magistrato, dopo la relazione degli agenti del commissariato Appio, diretto da Pamela De Giorgi, ha preso una decisione radicale: per i minori è scattata un’ordinanza di custodia cautelare in un carcere minorile. Quindi, dal commissariato sono stati portati in cella.

Gli investigatori hanno ricostruito che i giovani Rom avevano commesso nel giro di quattro giorni due furti in uno stesso condominio che si trova in via Mario Menghini, tra via Latina e largo dei Colli Albani. In un’occasione, con arnesi da scasso, si sono introdotti in un’abitazione rubando gioielli di un certo valore. In questo caso sono stati riconosciuti da una condomina che li ha incrociati durante la fuga.

Il secondo colpo nell’appartamento del portiere e, in questo caso, sono stati arrestati dai poliziotti. Ora, il Tribunale dei Minori ha aperto una pratica che riguarda i genitori dei ragazzini arrestati. Gi adulti rischiano più denunce fra le quali quella di avere indotto a delinquere i figli. E’ molto probabile che perdano la potestà genitoriale. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA