Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ex dg Atac Rettighieri: «Ecco la lettera che ha fatto traboccare il vaso»

Ex dg Atac Rettighieri: «Ecco la lettera che ha fatto traboccare il vaso»
1 Minuto di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2016, 20:10 - Ultimo aggiornamento: 20:51

Il dg uscente di Atac, Marco Rettighieri, ha consegnato ai giornalisti una copia della lettera dell'assessore ai Trasporti Linda Meleo, considerata la «goccia che ha fatto traboccare il vaso» verso le dimissioni. «Al fine di armonizzare il nostro lavoro - si legge nella missiva - vi chiedo in caso di cambiamenti da apportare alla macrostruttura aziendale, che il provvedimento predisposto dal competente ufficio, prima che sia reso definitivo, mi venga sottoposto affinché possa valutare e vistare la modifica apportata».

«La nostra è stata una decisione sofferta che ci ha visti però unanimi entrambi. La motivazione che mi ha convinto a dimettermi è stata il fatto che noi da tempo siamo in difficoltà finanziarie evidenti. È stato negoziato un contratto di finanziamento con banche basato su un piano industriale elaborato con fatica e che guarda fino al 2019. Uno dei pilastri era previsione dismissione di alcuni immobili non strumentali che avrebbe portato una serie di benefici per 95 milioni. Ma la nuova amministrazione ci ha detto che era del tutto contraria. E questo ci ha messo in crisi perché il piano non era sostenibile». Così l'amministratore unico dimissionario di Atac, Armando Brandolese, durante una conferenza stampa congiunta con l'ex dg Marco Rettighieri.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA