ROMA

La crisi dei mercati rionali, Raggi: 4 milioni per rilanciarli

Giovedì 16 Marzo 2017 di Lorenzo De Cicco
1
La sindaca Virginia Raggi  al 
Mercato Metronio (foto Gabrielli/Ag.Toiati)
«Vogliamo invertire la tendenza e combattere il disinteresse totale per i mercati che si è registrato negli ultimi anni», dice Virginia Raggi appena mette piede, intorno a mezzogiorno, nel mercato Metronio, a due passi da piazza San Giovanni. Tra un aneddoto - «al mercato venivo sempre con mia mamma» - e una promessa agli operatori, sempre meno, dei banchi semi-abbandonati - la formula di sempre: «stiamo lavorando» - la sindaca ha presentato il piano di rilancio elaborato dal Campidoglio per rianimare il commercio su piazza e nelle strutture comunali.

I NUMERI
Un settore in crisi nera, come ha raccontato Il Messaggero nelle ultime settimane, con le postazioni ormai appannaggio di pochi superstiti. Qualche esempio? Nello storico mercato di via Baccina, nel rione Monti, i banchi occupati sono il 22% del totale; a Palocco, in via Galli, il 15%; a Quarto Miglio, in via Menofilo, l'11%; a Primavalle, in via Ignazio Papa, il 20%; al mercato Metronio le postazioni sopravvissute alla crisi sono il 33% del totale. Per questo ora la giunta M5S corre ai ripari. I fondi stanziati, per ora, sono circa 4 milioni di euro, da suddividere per 70 mercati (32 coperti, 38 all'aperto). Tra le idee in campo, ha detto la sindaca, «l'apertura di sportelli informativi e anagrafici, box dove fare anche somministrazione di cibi e bevande, spazi per bambini. Ci sono molti modi per rilanciare mercati e noi siamo qui per farlo». «Le nostre linee guida - ha continuato Raggi - partono da un'analisi dettagliata di tutte 70 strutture presenti a Roma» con «soluzioni» area per area. L'obiettivo è «soddisfare gli interessi dei cittadini, degli utenti e degli operatori».

Accanto alla prima cittadina, al mercato Metronio, c'erano l'assessore allo Sviluppo Economico Adriano Meloni e il presidente della commissione Commercio Andrea Coia. Meloni ha parlato dei mercati come «piazze dove le famiglie possono socializzare, fare una spesa di qualità, partecipare a corsi di informatica, fare un aperitivo o sbrigare pratiche burocratiche. Tutti i mercati sono interessati a questo progetto che darà loro nuova linfa». Per alcuni che «sono senza futuro» si prevederà l'accorpamento. Il piano di rilancio nella prima fase si concentrerà su 15 strutture. Ultimo aggiornamento: 15:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma