Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, carabinieri: 10 denunce per guida in stato d'ebbrezza e 7 veicoli ritirati

Carabinieri
2 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 10:58

RIETI - Nel fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Poggio Mirteto sono stati impiegati in un servizio a largo raggio, finalizzato al contrasto dei reati predatori, che ha visto il sinergico impiego dei militari delle 12 Stazioni dipendenti e del Nucleo Operativo e Radiomobile.

Sono stati complessivamente sottoposti a controllo 111 auto e motoveicoli, 212 persone, elevate 9 sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada, con 7 patenti di guida ritirate e 7 veicoli sequestrati.

Le persone denunciate alla Procura della Repubblica di Rieti sono state 10, 6 delle quali per guida in stato di ebbrezza: 4 ad opera dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia, una dalla Stazione di Poggio Mirteto e una donna dalla Stazione di Passo Corese.

Il Nucleo Operativo e Radiomobile ha deferito all’AG anche un giovane per essersi rifiutato di sottoporsi all’accertamento etilometrico e, a seguito di un intervento per un principio d’incendio, un uomo di Montopoli di Sabina che, all’interno del proprio terreno agricolo, bruciava residui vegetali in quantità superiore a quella consentita. L’Aliquota Operativa dello stesso Nucleo ha poi denunciato un cinquantenne, originario di Roma, che portava in auto, senza alcun plausibile motivo, un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di 20 centimetri.

La Stazione di Poggio Mirteto ha denunciato, infine, un diciassettenne del luogo, trovato in possesso di 2 grammi di hashish, un bilancino di precisione e materiale utile per il taglio dello stupefacente, che, dalle prime indagini, è risultato destinato allo spaccio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA