Disturbi mentali dei giovani, il Centro di Rieti della Asl prima struttura pubblica in Italia al Premio scientifico nazionale Rocco Pollice

Disturbi mentali dei giovani, il Centro di Rieti della Asl prima struttura pubblica in Italia al Premio scientifico nazionale Rocco Pollice
2 Minuti di Lettura
Martedì 8 Giugno 2021, 17:52

RIETI - Il Centro di salute mentale della Asl di Rieti prima struttura pubblica in Italia al Premio scientifico nazionale Rocco Pollice, con lo studio scientifico sui disturbi mentali gravi nei giovani 

L'Asl di Rieti nei giorni scorsi si è aggiudicato il terzo posto all’edizione 2021 del Premio scientifico nazionale Rocco Pollice e primo in Italia come struttura pubblica non universitaria.  

Il Centro di salute mentale della Asl di Rieti si è distinto con un lavoro scientifico dal titolo “Modello di trattamento integrato biopsicosociale per gli utenti giovani con disturbi mentali gravi: l’esperienza del Csm di Rieti”.  

In letteratura è stata ampiamente dimostrata la rilevanza di una diagnosi e di un trattamento precoci nei soggetti giovani con disturbi mentali gravi. Tali evidenze hanno portato gli operatori sanitari del Centro di salute mentale della Asl di Rieti a rivolgere un’attenzione particolare agli interventi su tale popolazione, in modo da fornire risposte diagnostiche e terapeutiche sempre più adeguate alle esperienze specifiche. Lo studio ha riguardato 261 giovani utenti (18-34 anni).

Il trattamento offerto dal Centro è stato formulato in una visione biopsicosociale del disturbo, ed è stato basato su un’attenta valutazione clinica e funzionale che ha permesso di realizzare Progetti terapeutici individualizzati, che hanno previsto interventi integrati (farmacologici, psicoterapeutici, vocazionali e scolastici e sulla famiglia) su obiettivi a medio e lungo termine. L’intervento integrato offerto, ha permesso un notevole miglioramento clinico e funzionale nei soggetti che avevano effettuato un anno di trattamento. 

La Commissione del Premio scientifico nazionale Rocco Pollice ha ritenuto il lavoro presentato dalla Asl di Rieti un importante e valido apporto alle conoscenze scientifiche relative all’esordio dei disturbi mentali. Tale riconoscimento risulta ancora più rilevante in considerazione del fatto che il lavoro è stato condotto da una struttura pubblica non universitaria e che gli altri due vincitori sono risultati essere l’Università di Napoli e l’Università dell’Aquila, ovvero due dei Centri universitari di eccellenza in Italia, in particolar modo nell’ambito della psichiatria. 

Gli operatori del Centro salute mentale della Asl Rieti che hanno svolto e presentato il lavoro scientifico, hanno deciso di devolvere il premio, in denaro, all’Associazione Smile Onlus Prof. Rocco Pollice. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA