Pomigliano acclama Giggino 'o Presidente: «Portaci al governo»

di Mario Ajello
dal nostro inviato POMIGLIANO Un condominio anonimo, in una via qualsiasi. Esce dal portone Antonio. È il papà di Di Maio. S'avvia a piedi alla festa del trionfo di Giggino. «I miei consigli? Luigi non ne ha bisogno. È già prontissimo a governare». Giuseppe e Rosalba, gli altri due figli di don Antonio - impresario edile su cui già girano malignità e gli amici lo difendono: «Vogliono farlo somigliare a Tiziano Renzi, ma lui è un galantuomo» - sono già in...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 7 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:34

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-03-07 22:58:15
Sembra un film del grande Totò...
2018-03-07 16:29:45
Questi ancora non hanno capito, che sono rimasti appiedati.
2018-03-07 14:26:49
Caro Di Maio ai 220 seggi alla camera ci devi togliere ,se sei di parola una decina di eletti nei cinque stelle che tu hai cacciato e quindi vai a 210 seggi ed anche al senato stesso conto Lo so che non sei forte in matematica come in quasi tutte le materie ma per arrivare ad avere la maggioranza ti ci vogliono più di cento deputati.Quindi mettiti il cuore in pace e la tua è stata una vittoria di pirro.Pensa se coloro che sono stati eletti con te passano con il centro destra arrivano in torno a 280 seggi ad appena 35 seggi dalla maggioranza .
2018-03-07 16:28:28
E con la campagna acquisti, il tipo, amico del giaguaro, completerà l'opera.
2018-03-07 12:58:46
ggigi dacce o' reddito senza lavorare!!!!!!!!!!!!
7
  • 245
QUICKMAP