Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maroni, il vaffa al pistolero di Macerata che milita nella destra nostalgica

Maroni, il vaffa al pistolero di Macerata che milita nella destra nostalgica
di Mario Ajello
1 Minuto di Lettura
Martedì 6 Febbraio 2018, 14:37
Bobo Maroni dice "vaffa" a Luca Traini, ossia alla violenza razzista che il pistolero di Macerata, ex candidato della Lega, incarna in questi giorni. "Vaffa" senza se e senza ma, molto diverso, lontano, antitetico alle parole di circostanza, pronunciate finora da Salvini sulla vicenda di Macerata.

"Un pistolero che milita nella destra nostalgica e che lo scorso anno era stato candidato alle elezioni Amministrative. Questa è la gente che si propone di guidare le istituzioni del nostro Paese? Ma vaffa". Così osserva Maroni parlando dell'ex candidato consigliere comunale del Carroccio. Secondo Maroni, che non cita mai il suo partito, c'è un "dovere morale; mettersi al lavoro per (ri)creare una classe politica che non ci faccia rimpiangere Andreotti". E ancora: "Le nuove camicie nero-grilline del manganello mediatico o i giustizieri naziskin no, grazie: non servono all'Italia". Insomma, "Aristotele diceva che l'uomo è per natura un animale politico. Bene, purché prevalga l'uomo e non l'animale". Parola di Bobo. Salvini, indirettamente, è servito.







 
© RIPRODUZIONE RISERVATA