Firme false, a Palermo salgono a 13 gli indagati, c'è anche la deputata M5S Giulia Di Vita

Lunedì 28 Novembre 2016
17

C'è anche la deputata del M5S Giulia Di Vita tra gli indagati della Procura di Palermo nell'ambito dell'inchiesta sulle firme false. Oltre alla parlamentare sono stati iscritti anche il marito della deputata Claudia Mannino, Pietro Salvino.
«È vero, ma si chiarirà tutto, non temere. La verità esce fuori». Così, la deputata del M5S Giulia Di Vita, risponde su Twitter a un attivista che le chiede se è davvero indagata.

Salgono così a 13 gli indagati, fra questi Riccardo Ricciardi, marito della deputata nazionale Loredana Lupo, sentita nei giorni scorsi, però, come persona informata sui fatti. Ricciardi è coinvolto nel caso perché avrebbe materialmente portato in tribunale le firme raccolte. Sarebbero centinaia, secondo l'accusa, le sottoscrizioni ricopiate dalle originali inutilizzabili per un errore di forma.

Intanto la deputata del M5S Claudia Mannino interrogata dai pm di Palermo si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Come ha già fatta sabato l'altra indagata, Samantha Busalacchi, la parlamentare ha deciso di non rispondere ai magistrati che indagano sulle firme false del M5S.

E anche il deputato grillino Riccardo Nuti si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il parlamentare ha lasciato la Procura dopo neppure quindici minuti dal suo arrivo, accompagnato dal suo legale, Antonina Pipitone, la stessa di altre tre indagati del M5S, la deputata Mannino, il marito e Samantha Busalacchi.

Invece il deputato regionale Giorgio Ciaccio, interrogato sempre dai pm palermitano, ha raccontato ai magistrati tutti i particolari della vicenda firme false alla lista grillina delle comunali del 2012. Ciaccio, che si era autosospeso dal movimento, ha confermato il racconto della collega dell'Ars Claudia La Rocca, che si era auto accusata e aveva fatto il nome degli altri grillini coinvolti. Pure lei si è autosospesa. Ciaccio sarebbe stato interrogato subito dopo essersi autosospeso alcuni giorni fa.

LE REAZIONI
«Il senso per la verità e la legalità dei 5 stelle sulle firme false: non rispondono ai magistrati e si rifiutano di fare la prova calligrafica. Grillo, Di Maio e Di Battista hanno mentito per nascondere le firme false, ora cosa faranno? Attaccati alle loro sedie mandano al massacro le truppe. Li lasciano a se stessi come hanno sempre fatto non assumendosi mai le proprie responsabilità». Lo afferma David Ermini della segreteria del Pd. 

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 00:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Corinaldo, secondo i carabinieri sono 600 i biglietti venduti

di Mauro Evangelisti