Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terremoto Indonesia, nuova scossa di 6.2 a Lombok

Terremoto Indonesia, nuova scossa di 6.2 a Lombok
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Agosto 2018, 08:47 - Ultimo aggiornamento: 15:11

Trema ancora l'Indonesia: una nuova forte scossa di terremoto è stata registrata a Lombok, di fronte a Bali, la stessa isola colpita pochi giorni fa da un sisma di magnitudo 7.0 che ha devastato la regione uccidendo almeno 168 persone. Secondo i primi rilievi, la scossa di assestamento aveva una magnitudo 6.2.
 

Il nuovo terremoto ha colpito alle 12.25 locali e ha prodotto soltanto danni a edifici e tanto panico. La scossa, misurata in magnitudo 5.9 dagli Usa (6.2 dagli indonesiani), ha avuto come epicentro il nord-ovest dell'isola. Video hanno mostrato macerie disseminate per le strade e nuvole di polvere. Dopo la scossa odierna, molte persone sono uscite dalle loro auto e sono salite sopra i veicoli. «La scossa di assestamento ha causato un nuovo trauma», ha detto il portavoce della protezione civile indonesiana.

È salito a 319 il bilancio ufficiale delle vittime del terremoto di domenica scorsa sull'isola di Lombok, nel sud dell'Indonesia, mentre 156.000 persone sono state sfollate a causa di ingenti danni alla proprietà. «Le ultime informazioni sono di 319 morti», ha detto durante una conferenza stampa il ministro per il coordinamento di politica e sicurezza, Wiranto. Il precedente bilancio provvisorio ammontava a 164 decessi.

 

Sono invece circa 1.500 le persone ricoverate in ospedale con gravi ferite e oltre 156.000 gli sfollati. Il governo locale ha distribuito 100 tonnellate di riso e 200 camion sono stati dispiegati per fornire cibo, coperte, acqua e vestiti alle aree colpite. Ma alcuni sopravvissuti hanno dichiarato di non aver ricevuto ancora nessun tipo di aiuto quattro giorni dopo il disastro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA