Regionali, Marine Le Pen: «La Francia rialza la testa»

Domenica 6 Dicembre 2015
2
«La Francia rialza la testa. Siamo il primo partito di Francia»: questo il commento, a caldo, della leader del Front National Marine Le Pen dopo gli exit poll che danno il "FN" come primo partito alle regionali.

«Nulla potrà fermare la profonda volontà del popolo», ha aggiunto la Le Pen, mentre la nipote Marion, personaggio-simbolo di queste elezioni, ha ringraziato su Twitter: «42% dei voti al primo turno, Grazie!», ha "cinguettato" dopo l'ottimo risultato alle regionali francesi nella regione Provence-Alpes-Cote d'Azur.

Nel salutare i suoi sostenitori nel quartier generale di Hènin Beaumont, Marine Le Pen ha lanciato un appello a tutti gli elettori «che si sentono prima di tutto patrioti» a votare il Front National al secondo turno di domenica 13, «l'unico fronte veramente repubblicano perchè l'unico a difendere la nazione e la sua sovranità». «Li accoglieremo fraternamente», ha aggiunto.

DALL'ITALIA
«Grande Marine, cambia la Francia. Cambieranno anche Europa e Italia: più sicurezza e più lavoro». Questo il commento di Matteo Salvini, leader della Lega Nord, dopo il risultato del Front National.

«Gli exit poll che arrivano dalla Francia sul voto delle Regionali confermano le nostre previsioni: stravince il Front National e crollano i Socialisti di Hollande, che hanno voluto credere in questa Europa dei palazzi e dei burocrati e hanno aperto le frontiere ad un'immigrazione che si è trasformata in invasione, con i risultati che si sono visti. Vorrei tanto vedere la faccia di Renzi in questo momento. Perchè questa vittoria del Front National in Francia suona tanto come un avviso di sfratto per Renzi e la sua combriccola qui in Italia». Così il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato e Responsabile Organizzazione e Territorio della Lega Nord.

«Con Marine Le Pen ha vinto il popolo francese e inizia il riscatto di tutti i popoli d'Europa». Così Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia. «La vittoria del Front National, oggi primo partito di Francia, è un terremoto per la politica europea e una clamorosa bocciatura della Ue tramutata in un comitato d'affari, di lobbisti e usurai e incapaci di dare risposte al dramma della crisi economica, all'emergenza sicurezza e ai grandi eventi storici che stanno segnando la nostra epoca», aggiunge.

«È inquietante l'avanzata del Front National in Francia. Gli imprenditori della paura gettano benzina sul fuoco della crisi sociale e del terrorismo. L'Europa e le forze progressiste titubanti e troppo spesso subalterne alle politiche di destra riflettano bene: è ora di voltare pagina». Lo afferma Arturo Scotto, capogruppo della Sinistra Italiana alla Camera
Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre, 00:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA