Migranti, mamma tiene la bimba morta fra le braccia per paura che gli scafisti la gettino in mare

Mercoledì 18 Luglio 2018
1
L'amore infinito di una madre ha protetto dallo scempio la propria bimba che le era morta tra braccia all'inizio della traversata. «Una bambina della Costa d'Avorio è morta, ma lo si è scoperto solo a bordo della nave libica, perché la mamma l'ha tenuta per tutto il tempo tra le braccia in gommone senza dire che fosse morta. Probabilmente temeva che se lo avesse detto, avrebbero buttato il suo corpo in mare». Lo ha detto all'Ansa Nadja Kriewald, la giornalista tedesca di N-tv presente sulla nave della guardia costiera libica al momento del salvataggio di lunedì notte.

«A bordo della nave libica sono state 165 le persone salvate: 119 uomini, 34 donne e 12 bambini». Alla domanda se possa escludere che qualcuno sia caduto accidentalmente dalla nave nel corso dei soccorsi notturni, la giornalista ha risposto: «Tutti i soldati e i componenti della nave si sono presi cura dei migranti, certo la nave era di 27 metri, se uno è a prua non sa cosa succede a poppa e viceversa, di conseguenza non posso escluderlo del tutto ma non credo», anche perché nessuno dei migranti ha detto che mancasse qualcuno, ha continuato Nadja Kriewald.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La scuola dove la geometria si insegna giocando a carte

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma