Gaza, ordigno contro convoglio del premier palestinese Hamdallah: lui è illeso, sette i feriti

Martedì 13 Marzo 2018
1
Un ordigno esplosivo è stato lanciato contro il convoglio del premier del governo dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Rami al-Hamdallah, poco dopo il suo ingresso nella Striscia di Gaza. È quanto hanno riferito fonti palestinesi, secondo cui l'esplosione ha causato il ferimento di sette persone, mentre Hamdallah è rimasto illeso. Ieri il portavoce del governo dell'Anp, Yousef al-Mahmoud, aveva annunciato che il premier Hamdallah e il capo dell'intelligence dell'Anp, Majid Faraj, si sarebbero recati oggi a Gaza per inaugurare un depuratore. Illeso anche Faraj.

Spari sono stati indirizzati al convoglio dopo l'esplosione che ha investito il passaggio delle auto palestinesi. Secondo le prime informazioni ad esplodere è stato un ordigno posto ai margini della strada di ingresso a Gaza. Ad essere stati feriti in modo grave sarebbero, secondo le stesse informazioni, due passanti. La polizia di Hamas ha affermato di aver arrestato due parsone sospette.

LEGGI ANCHE: Striscia di Gaza, quattro soldati israeliani feriti da una bomba, scatta raid aereo di Tel Aviv 

La presidenza dell'Anp ritiene Hamas «responsabile del vigliacco attacco» al convoglio del primo ministro palestinese Rami Hamdallah e al capo dell'intelligence Majed Freij secondo quanto riferito  dall'agenzia ufficiale palestinese Wafa.  Anche Husayn al-Shaykh, membro del comitato centrale di Fatah, ha puntato il dito contro il movimento di resistenza islamica, al quale ha attribuito «la piena responsabilità per il tentativo di far saltare in aria il convoglio del premier e del capo dell'intelligence», sottolineando che «questo grave atto criminale costituirà un precedente molto pericoloso e sulla base di questo saranno prese molte decisioni». Dal canto suo, il portavoce del ministero dell'Interno e della Sicurezza nazionale del governo di Hamas a Gaza, Iyad al-Bazm, ha fatto sapere che «gli apparati di sicurezza stanno indagando sulla natura dell'esplosione», che ha colpito il convoglio del premier «mentre attraversava la zona di Beit Hanoun, a nord della Striscia di Gaza».

La risposta di Hamas è arrivata via Twitter: «Hamas condanna l'attacco criminale al primo ministro palestinese Rami Hamdallah, ritenendolo un tentativo concepito per destabilizzare la sicurezza a Gaza e per far fallire gli sforzi per una riconciliazione nazionale». Sempre su Twitter Hamas condanna peraltro anche le accuse mosse nei suoi confronti della presidenza dell'Anp.

Il coordinatore Onu per il processo di pace Nickolay Mladenov ha condannato «l'attacco» al convoglio del primo ministro palestinese Rami Hamdallah questa mattina a Gaza. «Questo grave incidente - ha detto - deve essere indagato e i responsabili assicurati alla giustizia. Fino a quando le legittima Autorità nazionale palestinese non avrà i pieni poteri a Gaza, Hamas ha la responsabilità di assicurare che il governo sia in grado di condurre il suo lavoro nella Striscia senza paura di intimidazioni, minacce e violenza». «Coloro che hanno ispirato e perpetrato l'attacco di oggi tentano di distruggere le chance di pace. Gli va impedito».
Ultimo aggiornamento: 21:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA