Quella lezione post-68 al ragazzo che dà del tu al “Signor Presidente”

di Marina Valensise
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Giugno 2018, 00:11

Certo, il francese Emmanuel Macron per quanto liberale ha un’indole bonapartista; sogna di essere un presidente “jupitérien”, come Giove che regna sui poveri mortali, e difende la regalità repubblicana sino a farne una bandiera, ma non è infallibile. Può persino cadere in preda alla collera, come è successo giorni fa quando ha reagito con parole grosse alla decisione del ministro degli Interni italiano di negare l’attracco nei nostri porti alla nave “Aquarius”, con più di 600 migranti a bordo, magari per placare a sinistra le acque francesi. 
L’altro giorno, però, si è reso protagonista di un episodio di rilievo. Per commemorare il 75° anniversario dell’appello del 18 giugno 1940 da Londra, con cui Charles de Gaulle, il generale della France libre, invitava i suoi connazionali a ribellarsi contro la sconfitta subita dai tedeschi, e resistere ai nazisti che avevano occupato Parigi, Macron è andato al Mont Valérien, sacrario della Resistenza, dove era atteso da una folla di giovanissimi.

A un certo punto, un tipetto zazzeruto, cercando di stringerli la mano gli ha detto senza preamboli: «Ça va Manu?». Mal gliene incolse. Il presidente, all’indebita confidenza del vezzeggiativo che presuppone il “tu”, l’ha raggelato con gli occhi e davanti alle telecamere gli ha inflitto una lezioncina fulminante: «No, no, no» ha risposto alzando il ditino al poveretto che avrà avuto sì e no quindici anni: «Qui sei a una cerimonia ufficiale e ti comporti bene. Puoi anche fare l’imbecille, ma oggi c’è la Marsigliese e i canti dei partigiani e tu mi chiami Signor Presidente o Signore. D’accordo?». 
Poi, lasciando il liceale basito, ha continuato con un buffetto sul braccio: «E fai le cose in ordine. Se un giorno vuoi fare la rivoluzione, prima impari a prenderti un diploma e a comportarti bene e poi potrai dare lezione agli altri. Va bene?», ha insistito il presidente, continuando a stringere le mani dei liceali oltre le transenne, mentre lo zazzeruto stava per svenire dalla vergogna.

Giusto rimettere i puntini sulle “i”. Senza giri di parole, ha liquidato con un gesto solo la morale sessantottina e gli ultimi suoi cascami. Porre fine all’indulgenza, mettere un freno al lassismo, censurare la ricerca di una familiarità a tutti i costi in nome dell’eguaglianza, del giovanilismo spontaneista, del pari son e del pari siamo, è una scelta obbligata per chi vuole ripristinare il rispetto verso le istituzioni e sa bene che senza un minimo di autorità le istituzioni vanno a rotoli, calpestate dal discredito generale. Sarebbe stato bello se la lezioncina francese fosse uscita di bocca ai nostri politici, alfieri del cambiamento. 
Ma la rivolta anti casta e la mobilitazione permanente delle piazza forse la rendono impraticabile. Sarebbe bello che almeno la nuova politica ci provasse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA