Strage di Bologna, Ciavardini non risponde in aula, sarà indagato per reticenza

Strage di Bologna, Ciavardini non risponde in aula, sarà indagato per reticenza
1 Minuto di Lettura
Giovedì 10 Maggio 2018, 00:08
«Abbiamo chiesto il verbale della testimonianza di Luigi Ciavardini per iscriverlo per il reato di rifiuto di testimonianza», è questo il commento del pm Enrico Cieri, al termine dell'udienza in Corte di assise a Bologna dove l'ex Nar, condannato in via definitiva per la strage della stazione, ma ora in libertà, è stato sentito come testimone.

Poco prima, in aula la tensione si era fatta sentire. «Lei ha detto che è innocente, ma chi è innocente grida la propria verità. Lei invece è reticente e sta rischiando un'incriminazione per testimonianza reticente continuata». aveva detto il  presidente Michele Leoni all'ex Nar, seduto al banco dei testimoni nel processo sulla strage del 2 agosto dell'80, che adesso vede imputato Gilberto Cavallini per concorso nell'attentato. Ciavardini si è rifiutato di rispondere in particolare a tre domande rivoltegli dal pm e poi riprese anche dal giudice: Chi lo ospitò a Villorba di Treviso attorno al 2 agosto? Chi gli diede un documento falso che poi utilizzò e chi gli diede un motorino per spostarsi in quei giorni? A questo punto l'avvocato Alessandro Pellegrini, che difende Cavallini, è intervenuto dicendo che l'accusa «continuava a fare sempre le stesse domande».  Gli animi si sono scaldati con toni alti e Leoni ha sospeso l'udienza cinque minuti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA