Stalking, «se liberate il mio ex mi ammazza»: lui tenta il suicidio in carcere

Martedì 2 Maggio 2017
6

Ha tentato di togliersi la vita in carcere Luigi Garofalo, il torinese di 46 anni accusato di atti persecutori nei confronti della moglie, che nelle ore precedente la convalida dell'arresto si era detta preoccupata per la sua vita se l'uomo fosse stato liberato. Lo rende noto il suo legale, avvocato Fabrizio Bonfante. «Ha detto che non ce la faceva più ad affrontare la gogna mediatica - riferisce il legale - e si è tagliato le vene». Medicato nell'infermeria del carcere, ora l'uomo è sorvegliato a vista.

Ultimo aggiornamento: 3 Maggio, 13:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA