Catania, costrette a prostituirsi con la maledizione woodoo: 6 arresti per prostituzione minorile

Venerdì 18 Marzo 2016
3

Le indagini che hanno portato ai fermi, tra Catania, Roma e Genova, di sei nigeriani accusati di aver fatto arrivare in Italia dalla Libia giovani connazionali, anche minorenni, da avviare alla prostituzione, sono cominciate nel settembre del 2015, quando lungo la Strada Statale 417 Catania - Gela fu trovata una minorenne nigeriana (nome di fantasia Dorina) che, dopo essere stata collocata in una comunità, raccontò di essere partita dal suo Paese alla volta dell'Italia dopo avere contratto un debito di decine di migliaia di euro con una madame «Mummy» che l'aveva sottoposta al rito magico-esoterico «JuJu» (woodoo), in forza del quale in caso di inadempimento, lei ed i suoi familiari sarebbero stati colpiti da disgrazie di ogni genere.

Dorina, seguendo le istruzioni di un «boga» (responsabile del trasferimento) aveva intrapreso un viaggio in più tappe dalla Nigeria alla Libia, dove si era fermata per diverse settimane controllata a vista da persone armate. Successivamente si era imbarcata su un gommone con il quale aveva raggiunto la Sicilia nell'agosto del 2015. All'arrivo in Italia era stata collocata in una comunità nel nord Italia e da lì era stata «presa in consegna» e condotta a Catania, dove la attendeva la sua «madame», la figlia della «Mummy» nigeriana, che l'aveva immediatamente fatta prostituire.

Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 17:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma