Radio Radicale a rischio chiusura, Giachetti sospende lo sciopero della sete e continua quello della fame Video

Mercoledì 22 Maggio 2019 di Mario Ajello
4
Roberto Giachetti

Lo hanno convinto gli amici. Essenziale è stato il pressing dei figli. E Roberto Giachetti, in sciopero della fame e della sete contro la chiusura di Radio Radicale, sospende l’astinenza dal bere. Ma continua a non mangiare.  Annuncia così in un video dall’ospedale San Carlo di Nancy, la sua scelta, che resta estrema: “Sospendo lo sciopero della sete. Sono un nonviolento, non un suicida. 

Proseguo lo sciopero della fame. E a chi dice che @RadioRadicale non deve essere sostenuta dallo Stato consiglio di consultare l’autorità garante della comunicazione: quella radio svolge un servizio pubblico”. La sorte si fa sempre più buia per questa emittente che da sempre fa servizio pubblico. M5S è inflessibile nel volerla chiudere, per motivi di risparmio erariale, l’emendamento della Lega che chiedeva una proroga non è stato ammesso nel decreto crescita e sono partiti i ricorsi contro l’inammissibilità. Se questi andranno in porto, una proroga è possibile. Intanto Giachetti, deputato dem ma anche radicale da sempre,  continua il suo sciopero.  E stanno tutti con il fiato sospeso per la sua salute e per il destino di un pezzo importante dell’informazione italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma