Minniti, l'unico politico no social: «Si può vivere senza»

Giovedì 29 Novembre 2018
Marco Minniti
A vederlo nel Transatlantico di Montecitorio, Marco Minniti sembra un pesce strano. E l'unico non affaccendato a mandare tweet, a postare foto su Instagram, a obbedire ai social, come fanno molti dei suoi colleghi parlamentari. E molti, guardandolo mentre non smanetta con il telefonino, si chiedono: sta troppo indietro rispetto ai tempi dell'iper-connessione continua, o magari sta avanti? A lui non interessa la propria collocazione storica rispetto allo smanettamento, ma fa quel che crede.

Ora rivendica la sua cultura off-line lanciando la campagna per le primarie del Pd in cui corre da aspirante segretario. E dice: "Se sbarcherò sui social almeno per questa competizione? Penso di no, si può vivere senza i social". Così Minniti, e aggiunge: "Mi sono occupato a lungo per il Paese dell'intelligence, tutte queste cose erano un po' in contraddizione con il fatto che uno fosse presente su social. Quando incontravo le persone che lavoravano con me, gli 007, gli dicevo 'non potete fare selfie e tweet'. Se lo dicevo e poi li facevo io, non andava bene".

Abituato a stare fuori dalla chattering society, Minniti ha deciso di restarci. E chissà se questo non potrà essere un suo punto di forza per vincere nella gara nel Pd dove si twitta sempre e pure troppo.





  Ultimo aggiornamento: 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma