Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giorgia Meloni: «Chi attacca me provoca danni all'Italia»

Il messaggio: "Siamo una democrazia come le altre, chi vota per noi non è pazzo"

Giorgia Meloni: «Chi attacca me provoca danni all'Italia»
di Francesco Bechis
4 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2022, 06:55 - Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 14:17

Da una parte l'allerta di Giorgia Meloni: chi attacca noi, «nuoce all'Italia». Dall'altra il programma unitario che prende vita. Il centrodestra si affaccia sull'uscio di Palazzo Chigi. La partita è ancora da giocare e la scadenza sulle liste si avvicina, ma la testa è già al governo.

Giorgia Meloni medita l'ultimo strappo: via la fiamma dal logo del partito


IL PROGRAMMA
Il programma è il risultato di una trattativa al millimetro. Generico quanto basta sui punti più divisivi. Numeri e stime appaiono qua e là, con il contagocce. Sulla flat tax c'è l'intesa. Non sulle aliquote - la Lega voleva il 15%, Forza Italia il 23%, si vedrà - ma sulla sostanza sì. C'è infatti l'«estensione della flat tax per le partite Iva fino a 100.000 euro di fatturato» e l'impegno di introdurre una tassa piatta «sull'incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti, con la prospettiva di ulteriore ampliamento per famiglie e imprese». Soluzione che per ora mette d'accordo tutti. Ma il documento parte, non a caso, dalla politica estera. Con la promessa di rispettare «gli impegni assunti nell'Alleanza Atlantica» e la «piena adesione al processo di integrazione europea». C'è la garanzia per un «pieno utilizzo delle risorse del Pnrr, colmando gli attuali ritardi di attuazione». «L'Italia potrà avere un governo coeso e capace di dare al Paese delle risposte concrete», esultano gli alleati in una nota congiunta. Il testo è un piccolo capolavoro di equilibrismo. Nel capitolo riforme istituzionali, per dire, il presidenzialismo caro a Fdi convive senza colpo ferire con l'autonomia rivendicata dai leghisti. Sul lavoro invece viene ribadito il «taglio del cuneo fiscale in favore di imprese e lavoratori». Così come una revisione sostanziale del reddito di cittadinanza targato Cinque Stelle senza però cancellarlo del tutto: sarà sostituito da «misure più efficaci di inclusione sociale e di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro», scrivono i pattuenti. Non poteva mancare un passaggio sulla sicurezza che vede esultare Salvini. I decreti Sicurezza introdotti dal governo Conte uno torneranno e saranno affiancati dal «controllo delle frontiere e blocco degli sbarchi», come va chiedendo da tempo Meloni.

 


LA STRATEGIA
La leader di Fdi, intanto, lancia un messaggio all'estero. «Se vince Fdi l'Italia non crolla in un buco nero. La propaganda della sinistra ci danneggia: non c'è il 25% dei pazzi che vota per noi, siamo una democrazia come le altre», ha tuonato ieri in radio. Dal quartier generale di Via della Scrofa il traguardo del 25 settembre ora appare vicino. Perfino troppo. Con la partita degli uninominali che un po' assomiglia a una vittoria a tavolino per la coalizione conservatrice e il vento in poppa nei sondaggi a far paura è il dopo-voto. Quello su cui sono puntati i riflettori dei giornali internazionali, per nulla clementi con la pattuglia meloniana. Di qui la controffensiva. La preoccupazione è palpabile in quel lavorio della leader e di alcuni dei suoi fedelissimi - Carlo Fidanza e Raffaele Fitto in Europa, Andrea Delmastro e Guido Crosetto sulla sponda Usa - per raccontare all'estero un altro partito. Come a dire: non solo il Pd, anche Fdi saprà diventare un partito-Paese, che conosce le regole del gioco e le applica. Ecco allora le rassicurazioni ai mercati con quell'inciso sulle regole di bilancio europee, «vanno rispettate e Fdi è garanzia che questo accada», ha chiarito Meloni. Dunque il video in tre lingue ­ francese, inglese, spagnolo per scacciare il fantasma delle nostalgie nere, «condanno senza ambiguità la dittatura e le leggi razziali». Basterà? Si vedrà. Ma l'equazione fra Fdi e Paese scandita ieri dalla leader è il segno che lo sguardo è già rivolto al governo che sarà.


IL NODO SICILIA
Non che in campagna elettorale tutto fili liscio. Sugli allori del centrodestra coccolato dai sondaggi, ad esempio, è atterrata la tegola Sicilia. Le dimissioni a sorpresa del governatore uscente in quota Fdi Nello Musumeci non sono bastate a frenare le tensioni tra alleati, con Lega e Fi a difendere la candidatura dell'azzurra Stefania Prestigiacomo. Un incidente che da dentro Fdi si affrettano a derubricare come «locale». «Se i sondaggi dicono il vero, stiamo vincendo la partita 3 a 0 - riflette un dirigente vicino a Meloni - e quando vinci così, devi palleggiare fino ai tre fischi finali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA