Green Pass, cosa si può fare in attesa ​che arrivi il 6 agosto e partano le nuove regole

Green Pass, cosa si può fare in attesa che arrivi il 6 agosto e partano le nuove regole
2 Minuti di Lettura
Sabato 24 Luglio 2021, 16:12 - Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 16:31

ROMA Ancora una decina di giorni e per compiere una serie di attività servirà avere in tasca il lasciapassare verde. Alcune sono elencate nel decreto dei giorni scorsi, altre risalgono al precedente decreto di aprile e altre attività che verranno sottoposte a Green Pass saranno indicate prossimamente.

Green pass, cosa fanno gli altri Paesi? Obbligatorio in Francia, in Gran Bretagna liberi tutti

In attesa delle linee guida che serviranno a capire alcune definizioni ancora un po’ generiche, per ora e sino al 6 agosto ci si dovrà muovere con le già previste accortezze e le regole sin qui introdotte. L’unica cosa che si potrà continuare a fare con le stesse regole è sorbire un caffè al bancone di un bar, ma per mettersi seduti all’interno anche in un ristorante, occorrerà esibire il lasciapassare verde.

I VIAGGI - Per viaggiare in Europa il Green Pass è già operativo. Quindi vaccinazione, tampone effettuato nelle 48 ore precedenti o certificato di guarigione dal Covid. Così come per partecipare a feste e banchetti, conseguenti a cerimonie civili o religiose. Requisito del Pass è già previsto per partecipare a competizioni sportive .

Dal 6 agosto si potranno effettuare tutta una serie di attività solo con il lasciapassare. Anche in questo caso si dovranno attendere le linee guida per sapere se potrà essere esibito il Pass cartaceo sotto forma di certificato o solo quello digitale.

Problema non da poco sia sotto il profilo della privacy sia per l’aspetto tecnologico che potrebbe creare problemi soprattutto alla popolazione anziana poco avvezza al digitale. Inoltre il certificato andrebbe accompagnato da un documento e quindi occorre autorizzare ristoratori o gestori di piscine e palestre a svolgere compiti che sinora erano di esclusiva competenza delle forze dell’ordine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA