Green Pass, Lamorgese: «Manifestazioni non erano autorizzate, vaccinarsi significa dare sicurezza»

Green Pass, Lamorgese: «Manifestazioni non autorizzate, non c'è nessuna dittatura sanitaria»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Luglio 2021, 15:24 - Ultimo aggiornamento: 20:28

Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese ha risposto ai cronisti nel corso della conferenza stampa tenuta a Caserta dopo il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. La ministra ha condannato le recenti manifestazioni anti-Green Pass che si sono svolte nei giorni scorsi in varie città italiane. «Guardiamo con attenzione alle manifestazioni dei no-vax, che ricordo non erano autorizzate, anche perché sono stati usati simboli ormai passati; penso alla stella di David», ha detto Lamorgese.

«Nessuna dittatura sanitaria - ha sottolineato - vaccinarsi è fondamentale per superare questa pandemia: tutti i provvedimenti del Governo sono stati presi per tutelare la salute pubblica, e perché la vera libertà è poter andare dove si vuole senza danneggiare gli altri».

 

Green Pass, Lamorgese condanna le manifestazioni 

 

Nel corso delle manifestazioni anti green pass «sono stati usati dei simboli ormai passati che non hanno nulla a che vedere con i provvedimento del Governo, che invece sono adottati soltanto per la salute pubblica», ha precisato il ministro. Lamorgese ha fatto riferimento in particolare all'uso della «stella di David a Firenze». Secondo il ministro si è trattato di «manifestazioni non autorizzate con l'utilizzo di simboli non dovuti».

«I provvedimenti del Governo - ha sottolineato Lamorgese - sono adottati soltanto per la salute pubblica, perché abbiamo visto che ci sono dati e riscontri oggettivi secondo cui più andiamo avanti con le vaccinazioni, più noi potremo tornare a una vita normale. Quindi chi ritiene di non vaccinarsi fa un danno alla restante collettività».

Covid e green pass, manifestazioni nelle città: tensioni a Roma e Pescara

«La vaccinazione significa essere sicuri per se stessi e dare sicurezza agli altri. La vera libertà è questo, non la libertà di non vaccinarsi», ha detto Lamorgese. «La libertà di ognuno - ha aggiunto il ministro - è collegata ai principi di legalità che devono essere tenuti presenti. La vera libertà è quella di tutelare e aiutare anche gli altri nella tutela della salute pubblica. Non bisogna pensare solo per se, ma si deve pensare per tutti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA