Covid: casi in aumento del 28%, ma ad aprile addio al Green pass all'aperto. E anche al lavoro si cambia

Il sottosegretario Costa: "L'obbligo vaccinale per gli over 50 resta fino al 15 giugno"

Covid: casi in aumento del 28%, ma ad aprile addio al Green pass all'aperto. E anche al lavoro si cambia
di Mauro Evangelisti
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 15:23

Da aprile addio al Green pass per tutte le attività all'aperto, ristoranti compresi, ma anche per soggiornare in hotel. Un mese dopo, salvo recrudescenza della pandemia, si comincerà ad eliminare l'obbligo di certificazione verde al chiuso, anche se resterà maggiore prudenza, magari aspettando giugno, per i posti di lavoro, per i visitatori delle Rsa e per i mezzi di trasporto.

Green pass e Covid, cosa succede

 

Obbligo vaccinale: secondo quanto anticipato dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, fino a giugno sarà confermato per gli over 50, ma per lavorare si va verso un allentamento, per cui tra aprile e maggio, sarà concesso a tutti di utilizzare il Green pass base (dunque vale anche il tampone). Il calendario dell'allentamento delle restrizioni, deciso dal Governo, è ormai pronto, nonostante l'incremento dei contagi.

Green pass per i viaggi a Pasqua? Ecco dove si potrà andare anche senza: i Paesi che aprono ai No vax

Green pass: ospedali, cinema, teatri e stadi. Cosa cambia a partire dal 10 marzo

Negli ultimi due giorni il numero di casi positivi è aumentato del 28 per cento rispetto al lunedì e al martedì della precedente setimana. Anche il tasso di positività ai tamponi è in risalita e questo mostra come non solo la discesa delle infezioni in corso da oltre un mese si sia fermata, ma che c'è una risalita. Altri valori sono molto più rassicuranti: forte diminuzione dei posti letto occupati da pazienti Covid e anche dei decessi. L'esperienza di due anni di pandemia ci ha insegnato che però questi due indicatori salgono più tardi rispetto a quello dei casi positivi. Non solo: anche nel 2021 la curva ebbe un analogo andamento, con una risalita a marzo e un incremento dei decessi ad aprile. Quest'anno, così come avvenuto con l'ondata invernale, tutti i numeri saranno più bassi di quelli del 2021 grazie alle vaccinazioni.

Conferma il sottosegretario Costa: «L'obbligo vaccinale per gli over 50 resta fino al 15 giugno prossimo, comprensivo della sanzione di 100 euro per chi non si è vaccinato. La valutazione che stiamo facendo è di verificare l'opportunità, pur mantenendo l'obbligo vaccinale fino al 15 giugno, di anticipare la possibilità per gli over 50 di andare al lavoro con il Green Pass base (anzichè quello rafforzato), ossia facendo il tampone rapido ogni due giorni. Un'ipotesi che potrebbe dare la possibilità di tornare al lavoro per chi non si e' vaccinato e anche per allentare la tensione». 

 

E sulle attività all'aperto aggiunge: «Nei prossimi giorni verrà stabilito un cronoprogramma e dal primo aprile inizierà una fase di graduale allentamento. Ci saranno situazioni in cui il green pass non sarà più necessario, ad esempio per bar, ristoranti e altri locali all'aperto. Credo sicuramente questo da aprile non sarà più necessario».

© RIPRODUZIONE RISERVATA