Berlusconi: «Partito unico del centrodestra è indispensabile, sono ancora in campo e intendo rimanerci»

Berlusconi: «I medici mi vietano gli eventi pubblici ma sono ancora in campo e intendo rimanerci»
4 Minuti di Lettura
Domenica 20 Giugno 2021, 12:16 - Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 15:16

Silvio Berlusconi va avanti: «Io sto fortunatamente meglio ma i medici che mi curano ancora non mi consentono di partecipare ad eventi pubblici. Vi prometto però di essere presto con voi anche in vista degli importanti appuntamenti elettorali di questo autunno». Lo ha detto il leader di Forza Italia, intervenendo telefonicamente alla convention organizzata del partito Italia, ci siamo!, in corso di svolgimento a Castione della Presolana, nella Bergamasca.

Berlusconi: avanti con coraggio

Berlusconi rilancia la sua proposta di un partito unico entro le elezioni politiche del 2023 «indispensabile perché l'Italia possa ripartire». Partecipando telefonicamente alla Convention organizzata dal partito a Castione della Presolana, nel Bergamasco, infatti, il Cavaliere, ha rivolto un appello a Matteo Salvini, che vedrà in serata a Arcore, e a Giorgia Meloni ribadendo la proposta di costruire «un grande partito Repubblicano» sul modello americano che si candidi a governare il Paese. E ha avvisato: «Sono ancora in campo e intendo rimanerci. Sarò presto con voi anche in vista degli importanti appuntamenti elettorali di questo autunno.

Toninelli: «Berlusconi mi ha querelato, chiede più di 200mila euro. Ma non li ho». Forza Italia smentisce

Berlusconi liquida Forza Italia: «Subito il partito unico», Salvini: «Niente forzature»

Abbiamo quasi due anni di tempo, fino alle elezioni del 2023, per costruire dal basso il centrodestra unito, con una attività intensa, cominciando da un coordinamento delle iniziative parlamentari, e poi coinvolgendo tante persone e tante energie - ha detto il fondatore di Forza Italia -. Si tratta di trasformare in un movimento politico unitario quello che già oggi è il comune sentire di tanti elettori di centrodestra. Di fronte a qualche risposta »scettica e dubbiosa« alla sua proposta, proveniente sia fuori che dentro il suo partito, Berlusconi ha fatto spallucce e ha invitato gli azzurri a non preoccuparsi perché non significa affatto la smobilitazione o la liquidazione di Forza Italia. Al contrario, noi di Forza Italia dobbiamo rafforzarci, organizzarci ancora meglio. Il dialogo con il segretario della Lega Matteo Salvini è aperto, con una serie di colloqui che al centro, oltre al tema del partito unico, ha quello della scelta del prossimo candidato sindaco di Milano. Anche questa sera è in programma una cena di lavoro tra i due leader, con il numero uno della Lega che dopo aver caldeggiato ieri alla manifestazione in piazza di Roma la nascita della federazione del centrodestra, ha, spiegano dalla Lega, ascoltato con grande attenzione le dichiarazioni di Berlusconi sul partito unico. Ma il Cavaliere ha voluto smentire con forza le indiscrezioni su un 'contratto' stipulato da Matteo Salvini con i suoi figli, Marina e Pier Silvio: Sono sconcertato, sono notizie assolutamente inventate che travisano il senso della nostra iniziativa politica - ha commentato -. Mi spiace che ancora una volta la mia famiglia venga chiamata in causa, i miei figli con la politica non c'entrano nulla, nessuno si occupa di politica e tanto meno del futuro di Forza Italia. Qualsiasi decisione su Forza Italia - ha chiarito - la prendo io facendo sintesi con il nostro gruppo dirigente.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA