Berlusconi torna in campo: «Mi candido alle Europee»

Giovedì 17 Gennaio 2019
13
Berlusconi torna in campo: «Mi candido alle Europee»
Silvio Berlusconi sceglie la Sardegna per annunciare che il 26 maggio metterà in pratica la ritrovata eleggibilità. «Alla bella età che ho (82 anni)ho deciso di candidarmi alle europee», dice a Quartu, uno degli otto Comuni del collegio di Cagliari dove domenica 20 gennaio si voterà per le suppletive della Camera. «Lo faccio per senso di responsabilità - spiega - verso la mia Italia e verso la stessa Europa dove manca il pensiero profondo del mondo». Il cavaliere, che si appresta a celebrare 25 anni dalla sua discesa in campo (il 18 gennaio 1994 la nascita di Fi), non metteva piede nell'Isola per motivi elettorali dalle regionali del 2014. Allora sosteneva la corsa di Ugo Cappellacci e in Sardegna gli iscritti alla Lega si contavano sulle dita di una mano.

Oggi arriva all'indomani dei bagni di folla a Quartu, Oristano e Alghero di Matteo Salvini, «l'amico-nemico» con il quale è alleato per le suppletive e le regionali, ma che per governare l'Italia gli ha preferito i cinquestelle. E che ieri lo ha bacchettato: «mi auguro che Fi costruisca e dia una mano a costruire, e non trascorra troppo tempo ad attaccare me e la Lega, perché non credo che questo sia utile». Ma Berlusconi non fa passi indietro. «L'alleanza gialloverde è innaturale - attacca - e non credo che riuscirà a reggere. Anche in Parlamento ci sono molti fermenti recenti che mi fanno pensare che questo governo non non avrà vita tanto lunga. Siamo molto preoccupati perché nulla di buono arriva dalle decisioni dei gialloverdi».

Un governo che «deve cambiare», incalza il leader di Fi, soprattutto perché «una parte è rappresentata dal Movimento 5 stelle, guidato da persone senza nessuna esperienza». «Scappati di casa», li definisce: «Sono come quei signori della sinistra comunista del '94, solo più incompetenti». Per il cavaliere, quindi, «il futuro dell'Italia, dell'Europa e del mondo è il centrodestra unito: noi rappresentiamo un'idea liberale della politica che oggi bisogna difendere». A partire dalle suppletive di domenica, dove Berlusconi e il leader del Carroccio sostengono la candidata Daniela Noli. «Spero che il 20 gennaio molte donne e uomini la votino, magari gli stessi che il 4 marzo avevano scelto il deputato M5s che si è dimesso perché ha preferito la barca a vela». Sulla candidata non ha dubbi: «È una persona esperta, ha lavorato a lungo in Forza Italia e saprà portare in Parlamento le istanze della Sardegna e soprattutto delle donne». A cui lancia un appello: «è l'unica donna in corsa: approfittate dell'occasione e votatela».

E la sfida continua con le regionali: «Si vota in regioni ad amministrazione rossa, credo che il centrodestra unito raccoglierà risultati molto positivi». Quanto alla Sardegna, dove la tornata è in programma il 24 febbraio, «il candidato Christian Solinas è l'uomo giusto, la giusta sintesi del centrodestra tra esperienza e rinnovamento». Nessun riferimento al fatto che il senatore del Partito Sardo d'Azione sia stato indicato dal Carroccio, nonostante Fi rivendicasse il diritto di individuare un «suo» uomo. E forse poco importa: Berlusconi conosce bene la Sardegna e la considera la sua «seconda casa». Lui che è anche cittadino onorario di Olbia e la sua villa Certosa in Costa Smeralda ha visto formarsi governi e decidere rimpasti, con un viavai di ospiti illustri, da Blair a Putin. Oggi il cavaliere riparte proprio dall'Isola, perché dopotutto, ricorda, «si è rivelata un vero e proprio laboratorio e ha anticipato situazioni che poi si sono verificate a Roma».
Ultimo aggiornamento: 20:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Perché a Londra e Parigi il turismo vale il doppio di Roma

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma